Fiat, svolta “storica” al Lingotto.

A
A
A
di Camilla Gaiaschi 22 Aprile 2010 | 07:15
L’ad Sergio Marchionne annuncia lo spin-off delle attività non auto entro l’anno e lancia il nuovo progetto Fabbrica Italia. Saranno 6 milioni le auto prodotte nel 2014, mentre i ricavi, con Chrysler, saliranno a 93 miliardi, il livello più alto della storia di Fiat. Lungo applauso della comunità finanziaria al neopresidente John Elkann.

John Elkann alla presidenza, il Lingotto presenta “la svolta”, con un piano industriale “ambizioso” e attento all’Italia: sei milioni di auto a regime dal 2014, di cui 1,4 milioni prodotte nel nostro Paese e target finanziari al di sopra delle più rosee attese. Una “giornata storica”, l’ha definita ieri Elkann, lungamente applaudito dalla comunità finanziaria che si è ritrovata al Centro Congressi per assistere alla presentazione del piano industriale 2010-2014.

L’ad Sergio Marchionne ha confermato l’intenzione di voler separare le attività non auto (oggi facenti capo a Iveco e Cnh) entro l’anno (“se lo scenario macro sarà stabile”, ha precisato) in una società che sarà rinominata Fiat Industrial e che verrà quotata a Milano. Il resto delle attività confluiranno nella nuova Fiat, che beneficerà delle sinergie con Chrysler. Con la transazione – che, ha precisato, “non danneggia i diritti degli azionisti” – ad ogni titolare di azione Fiat verrà assegnata un’azione della nuova Fiat e un’azione della Fiat Industrial. L’operazione potrebbe comportare un finanziamento intersocietario tra le due società “i cui piani di ripagamento – ha precisato Marchionne – non supereranno i 12 mesi”. John Elkann rimarrà presidente di Fiat Auto e Sergio Marchionne amministratore delegato (oltre che presidente di Fiat Industrial). Elkann, che è anche presidente dell’Accomandita (la Giovanni Agnelli Sapaz) e di Exor (la società che controlla il 30,4% di Fiat), ha rassicurato circa l’impegno della famiglia Agnelli in entrambe le società: “Non ci sarà diluizione – ha detto –confermiamo il nostro commitment”.

Il management ha presentato inoltre i target finanziari, che vedranno salire i ricavi, considerando gli attuali perimetri di gruppo, a 93 miliardi di euro, il livello più alto mai raggiunto nella storia di Fiat. Il margine operativo sarà pari a 6,8 miliardi di euro (dai 3,4 miliardi nel 2008) mentre l’utile salirà a 5 miliardi. Considerando invece quella che sarà la nuova Fiat (senza Iveco e Cnh), assieme a Chrysler i ricavi saliranno a 104 miliardi di euro nel 2014. Nell’ultimo anno di piano Fiat produrrà 6 milioni di autovetture, di cui 1.150 milioni in Europa e 1.125 milioni in America Latina. Il piano prevede un “forte impegno a massimizzare la capacità produttiva in Italia” (in tutti e 4 gli stabilimenti: Mirafiori, Cassino, Melfi e Pomigliano), con un potenziale aumento degli organici, ma richiede anche “flessibilità di forza lavoro e dirigenti”. In caso contrario – ha fatto capire Marchionne, che in serata ha incontrato i sindacati – Fiat potrebbe ricorrere ad un “piano b”. Il messaggio è stato fin troppo chiaro: “Ci sono paesi che offrono delle opportunità incredibili di produzione – ha detto – se questo Paese vuole produrre l’auto lo deve fare seriamente. Altrimenti, troveremo delle alternative al bisogno di produzione nel mondo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X