Fiat via allo spin off, conti migliori delle attese

A
A
A
di Redazione 21 Luglio 2010 | 08:45
Per quanto riguarda la scissione parziale proporzionale che vedrà la nascita di Fiat e Fiat Industrial, il gruppo guidato da Sergio Marchionne, ha chiarito che con la scissione le attività relative ai businessdei veicoli industriali, motori industrial & marin, macchine agricole e per le costruzioni “saranno separate da quelle automobilistiche e dalla relativa componentistica, che includono Fiat Group Automobiles, Ferrari, Maserati, Magneti Marelli, Teksid, Comau e FPT Powertrain Technologies (attività di motori e trasmissioni per autovetture e veicoli commerciali leggeri)”.

La data di efficacia della scissione è prevista per il 1 gennaio 2011. Da quel momento le azioni Fiat Industrial saranno assegnate agli azionisti Fiat sulla base di un rapporto uno a uno e le due realtà “saranno quotate separatamente presso il mercato telematico azionario di Milano e opereranno in modo separato come società quotate indipendenti con i rispettivi management e consigli di amministrazione”. L’approvazione dello spin-off da parte dell’assemblea del gruppo è prevista per il 16 settembre 2010.

Il tutto, in termini numerici, comporterà per Fiat una riduzione del patrimonio netto di 3.750.346.053 euro. Mentre “il capitale sociale di Fiat Industrial sarà aumentato di 1.913.178.892 euro, inoltre 1.837.167.  161 euro saranno attribuiti a Fiat Industrial attraverso le altre riserve”.

Intanto il gruppo ha chiuso il primo semestre del 2010 con un utile netto di 92 milioni di euro, contro una perdita di 590 milioni. L’incremento dei ricavi (a quota 27,7 miliardi), è stato del 13,5% e l’utile della gestione ordinaria è passato da 262 milioni a 1 miliardo di euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X