I rumor non scaldano troppo Mps

A
A
A
di Luca Spoldi 11 Febbraio 2014 | 19:08
Mps sale di poco meno di un punto sul finale di seduta mentre continuano a circolare voci circa l’interesse da parte di investitori medio orientali ad entrare nel capitale

MPS IN PRUDENTE RIALZO – Lo scoop “a scoppio ritardato” del Sole24Ore che come già Il Messaggero sabato scorso oggi rilanciano l’ipotesi di un interesse di Qia, fondo sovrano del Qatar, per rilevare un 15%-20% di Mps da Fondazione Mps (tuttora primo socio col 33,5% del capitale, interamente in pegno alle banche creditrici) non scalda eccessivamente il titolo senese che in borsa si avvia a chiudere la seduta in rialzo di meno di un punto percentuale appena sotto i 18,6 centesimi di euro per azione.

RESTA L’INCOGNITA PREZZO – Un valore che, guarda caso, corrisponde quasi perfettamente alla mediana della forchetta indicativa di 16-21 centesimi per azione attorno a cui, secondo il quotidiano confindustrial, si potrebbe sviluppare una trattativa tra il fondo sovrano e l’ente presieduto da Antonella Mansi che da parte sua punterebbe a incassare almeno i 340 milioni di euro necessari a rimborsare i creditori. Ai valori attuali (18,5 centesimi a titolo) per incassare tale cifra la Fondazione dovrebbe cedere poco più del 16%, ma il fondo, se acquistasse prima dell’aumento da 3 miliardi ormai slittato a maggio, si troverebbe a dover poi sborsare altri 480 milioni. Il mercato sembra convinto che un accordo si troverà, ma preferisce non sbilanciarsi troppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Grecia, la crisi potrebbe non essere finita

Grecia in rivolta contro Ue e Fmi ma nessuno ne parla più

Ora Tsipras dovrà varare le riforme promesse alla “troika”

NEWSLETTER
Iscriviti
X