Le italiane del Blueindex allungano il passo

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Marzo 2014 | 12:11
Continua la sovraperformance delle componenti italiane del Blueindex. Meglio di tutti ieri hanno fatto Unicredit e Mps. Il titolo senese si mette in luce anche stamane

L’ITALIA NE PIAZZA QUATTRO NEI PRIMI SEI POSTI – Quattro nomi italiani nelle prime sei posizioni: la sovra performance delle componenti tricolori del Blueindex è proseguita anche ieri, con Unicredit che ha guadagnato il 5,52% davanti a Mps (+3,41%), ING Groep (+3,40%), Bpm (+2,76%), Nordea Bank (+2,60%) e Azimut (+2,48%). Merito di annunci e indiscrezioni che continuano a mantenere elevata l’attenzione degli operatori sui titoli finanziari italiani (tanto che anche stamane proprio Mps e Azimut sono tra le migliori a Piazza Affari).

CHE FARA’ DA GRANDE UNICREDIT? – Unicredit in particolare ha fatto parlare di sé per un articolo sul Financial Times in cui non si esclude, dopo l’Ipo di Fineco e la cessione della maggioranza di UniCredit Credit Management Bank che si possa arrivare ad una quotazione (o cessione di quote) di Pioneer Investments e, tra qualche anno, Hypovereinsbank (prima però il gruppo italiano dovrebbe ristrutturare la rete di Hvb e tagliare fino a 600 filiali), mentre su Mps continuano ad esserci attese di una prossima sistemazione delle quote in mano a Fondazione Mps, prima dell’aumento di capitale da 3 miliardi atteso per la seconda metà di maggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Blueindex: ottimo finale di settimana per Gam Holding

NEWSLETTER
Iscriviti
X