Milano in ripresa: vola Bper, Anima frena

A
A
A
di Luca Spoldi 16 Aprile 2014 | 16:08
Dopo lo spavento di ieri le banche italiane ripartono all’attacco con Bper, Banco Popolare, Ubi Banca, Bpm e Unicredit davanti a tutti. Debutto in calo per Anima Holding

PIAZZA AFFARI RIPARTE – La borsa di Milano rimbalza con decisione dopo il tonfo di ieri, chiudendo in rialzo di 3 punti ben oltre i recuperi visti sulle altre piazze europee (Londra ha chiuso a +0,70%, Francoforte a +1,56%, Parigi a +1,33%, mentre il paniere Eurostoxx50 ha segnato +1,48%). L’indice Ftse Mib ha infatti chiuso a +3,44%, mentre il Ftse Italia All-Share ha segnato +3,22% e l’Ftse Italia Star ha guadagnato l’1,22%.

BPER GUIDA IL BALZO DELLE BANCHE – Tra le blue chip è risalita Bper (+8,6%) che ieri aveva ufficializzato l’uscita di scena improvvisa dell’amministratore delegato Luigi Odorici, sostituito da Alessandro Vandelli, già vice direttore generale dell’istituto. Molto bene anche Banco Popolare, Ubi Banca (che ha riorganizzato la bancassurance con Aviva), Bpm e Unicredit, tutti in rialzo tra gli 8 e i 6 punti a testa circa.

ANIMA NON BRILLA ALL’ESORDIO – Nessuna blue chip oggi ha chiuso in calo. Chi invece ha deluso è Anima Holding che all’esordio cede oltre il 3,5% rispetto al prezzo di collocamento (4,20 euro) chiudendo a 4,05 euro per azione con oltre 50 milioni di titoli scambiati. Secondo alcuni operatori l’operazione, che avrebbe portato diversi fondi esteri sopra il 2%, sarebbe avvenuta a un prezzo giudicato leggermente “tirato” dal mercato in termini di multipli favorendo alcuni arbitraggi con altri titoli del risparmio gestito.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anima Holding supera la trendline dicedente di medio termine

Anima Holding si lascia alle spalle il canale ribassista. I prossimi target tecnici

Fondi, Anima sfonda il muro del miliardo

NEWSLETTER
Iscriviti
X