Mattinata no per i listini europei

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Maggio 2014 | 10:01
I deboli dati macro cinesi e la tensione in Ucraina fanno scattare nuove vendite sui listini europei. In rosso Basf, che valuta investimento da 1 miliardo nello shale gas Usa

BORSE NERVOSE PER DATI E UCRAINA – Il deludente dato macroeconomico cinese di stamane e il permanere di una situazione esplosiva nelle regioni orientali dell’Ucraina impensieriscono i listini europei stamane, così superata la metà mattinata, mentre Londra è chiusa per l’Early May Bank Holiday, Parigi cede l’1,09% e Francoforte cala dell’1,29%, mentre Madrid segna -0,99% e Milano perde l’1,12%.

BASF INDIETRO TUTTA, RESISTE ORANGE – L’Eurostoxx50 dal canto suo arretra dell’1,30%, con solo Orange (l’ex France Telecom) in frazionale rialzo, mentre perdono ampiamente terreno Basf (che si prepara a investire 1 miliardo per un impianto di conversione di shale gas negli Usa), Philips, Sap, Deutsche Bank, Societe Generale, ING Groep, Bmw e Anheuser-Busch InBev, tutte in rosso tra i 2 e i 3 punti abbondanti a testa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azionario europeo, come salvarsi dal rallentamento economico

L’auto tedesca si schianta sulla svalutazione dello yuan

NEWSLETTER
Iscriviti
X