Wall Street perde il 2,5%, petrolio sui 29,5 dollari al barile

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Gennaio 2016 | 16:17
I timori sulla Cina e il tracollo del petrolio fanno scattare nuovi ordini di vendita a New York. Così Wall Street cede il 2,5% dopo un’ora e mezza di lavoro. Bene T-bond e oro

GLI ORSI FIACCANO ANCHE WALL STREET – Anche a Wall Street gli “orsi” hanno gioco facile oggi, con l’indice Dow Jones che al momento cede il 2,49%, l’S&P500 a sua volta in calo del 2,49% e il Nasdaq in rosso del 3,21% dopo un’ora e mezza di lavoro. I T-bond dal canto loro vedono il tasso sul decennale ridiscendere al 2,04%, perché nonostante le dichiarazioni ufficiali il mercato sembra non credere che la Fed rialzerà quattro volte i tassi nel corso dell’anno, e il rendimento del bond trentennale al 2,81%. L’oro da parte sua rimbalza a 1.091 dollari l’oncia, 17 dollari più della chiusura di ieri, mentre l’argento oscilla a 13,95 dollari (20 centesimi di guadagno) e il petrolio cade a 29,52 dollari (1,68 dollari meno di ieri) confermando le indicazioni della mattinata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: attenzione all’oro, affossato dal dollaro nonostante l’inflazione

Investimenti, oro: ecco tutti i rischi da affrontare

Etp, al via il primo strumento che combina Bitcoin e oro

NEWSLETTER
Iscriviti
X