Bce: ok a Bpm-Banco Popolare se i ratios saranno adeguati

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Marzo 2016 | 15:56
Per la Bce la fusione Bpm-Banco Popolare può andare avanti se si provvederà a rafforzare l’istituto che nascerà dal matrimonio e sarà il terzo maggiore in Italia

BPM-BANCO POPOLARE,  SERVONO RATIOS IN LINEA COI COMPETITOR – Bpm e Banco Popolare possono fondersi, ma siccome dal matrimonio nascerà la terza maggiore banca italiana, subito alle spalle di Intesa Sanpaolo e Unicredit, i coefficienti patrimoniali dovranno essere in linea con quelli dei due competitor. Questa la posizione di Danièle Nouy, la responsabile della Vigilanza Bce, espressa in un’audizione davanti al Parlamento europeo.

BPM RISALE, BANCO POPOLARE TORNA A SCENDERE – Dopo la precisazione e nonostante il forte nervosismo della giornata odierna, macchiata dai fatti di sangue di Bruxelles, Bpm a Piazza Affari guadagna lo 0,80% a 69,55 centesimi di euro per azione con poco meno di 42 milioni di pezzi passati di mano, mentre Banco Popolare, in attesa che il Cda di domani sciolga le ultime riserve riguardo al possibile aumento di capitale da 1-1,5 miliardi di euro, che in parte potrebbe essere effettuato tramite bond convertibili, perde il 2,76% a 7,05 euro per azione, stante l’effetto diluitivo che l’operazione comunque comporterebbe.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ftse Mib, l’allerta è massima. Le blue chip sotto i riflettori

Ftse Mib, massima attenzione ai supporti. Le blue chip sotto i riflettori

Blueindex: Natixis in luce, Banco Bpm in altalena

NEWSLETTER
Iscriviti
X