Brexit: birra e whisky compenseranno i servizi finanziari?

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Ottobre 2016 | 11:53
Come sarà la Gran Bretagna post Brexit tra 5 anni? Punterà a far crescere le esportazioni di birra, whisky e prodotti alimentari tipici come il tè, marmellate e biscotti

WHISKY E BIRRA PER IL DOPO BREXIT – Come sarà la Gran Bretagna post-Brexit, tra 5 anni? Cercherà di tornare ad essere un paese esportatore, puntando in particolare su birra e gin e altri prodotti alimentari tipici. Per riuscirci il governo di Theresa May intende offrire un sostegno da 2,9 miliardi di sterline agli esportatori alimentari, con un aiuto extra di 185 milioni di sterline per sostenere in particolare le esportazioni verso il Giappone dove già esiste una buona domanda per prodotti quali tè, marmellata e biscotti.

SOSTENERE L’EXPORT ALIMENTARE – Lo scrivono gli esperti del Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari agricoli (Defra) in un rapporto intitolato “International Action Plan for Food and Drink” secondo cui anche da Australia e Nuova Zelanda potrebbero venire maggiori esportazioni per 293 milioni di sterline grazie a prodotti quali la birra, mentre Messico e altri paesi dell’America Latina potrebbero far crescere l’export alimentare britannico di 125 milioni, in particolare grazie a whisky e gin.

IL SETTORE CRESCE GIA’ DEL 6% – Nei primi sette mesi dell’anno l’export alimentare britannico ha superato i 10 miliardi di sterline, con un incremento di quasi il 6% su base annua: salmoni scozzesi, carni gallesi, whiskey nord irlandesi e formaggi inglesi sono già oggi prodotti molto noti nel mondo, logico dunque cercare di ripartire da essi per controbilanciare il prevedibile calo di vendite in Europa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, crolla l’export del Regno Unito verso l’Europa

Intesa, il private britannico alle grandi manovre

Mercati, Forex: Sterlina in crisi e non solo per colpa della Brexit

NEWSLETTER
Iscriviti
X