Il Venezuela in crisi lancia la sua criptovaluta

A
A
A
di Chiara Merico 21 Febbraio 2018 | 09:11
L’operazione prevede l’emissione di cento milioni di petro-token, ciascuno garantito da un barile di greggio, per un valore totale che nelle stime del governo di Caracas sarà pari a 6 miliardi di dollari.

LA VALUTA – Da ieri anche il Venezuela ha la sua criptovaluta, il Petro, una moneta digitale garantita dal petrolio che nei fatti, come spiega Il Sole 24Ore, è uno strumento del regime chavista per cercare di aggirare le sanzioni occidentali. L’operazione prevede l’emissione di cento milioni di petro-token, ciascuno garantito da un barile di greggio, per un valore totale che nelle stime del governo di Caracas sarà pari a 6 miliardi di dollari. Ma i dubbi sull’operazione non mancano, a partire dalla reale copertura di greggio, che non sarebbe sufficiente e garantire l’emissione del Petro: si tratterebbe infatti di petrolio non ancora estratto dal pozzo Ayacucho 1 nell’Orinoco e per di più non nella completa disponibilità di Caracas, essendo estratto da una joint venture. Il Petro è stato collocato da ieri al valore del barile di greggio, pari a 60,40 dollari sulla base della media delle quotazioni della scorsa settimana per un totale di poco superiore ai sei miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute: il Messico non seguirà El Salvador sul Bitcoin

Criptovalute, Putin: “Ok come mezzo di pagamento in Russia”

Bitcoin come valuta legale: ecco la proposta svizzera

NEWSLETTER
Iscriviti
X