Fideuram, l’utile è in calo

A
A
A

Nei primi nove mesi profitti a 657 mln, in discesa dell’1% sul 2017 quand’erano cresciuti del 13%. Si riparla di quotazione, Molesini: “ci darebbe ulteriore visibilità”.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino12 novembre 2018 | 08:41

La difficile situazione dei mercati finanziari di questi ultimi mesi colpisce anche Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking (Ispb), la grande banca private controllata da Intesa Sanpaolo, che proprio quest’anno festeggia i 50 anni della sua nascita. Nei primi nove mesi di quest’anno, infatti, l’utile consolidato è stato di 657 milioni di euro, in calo dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2017. Nei primi nove mesi dello scorso anno l’utile netto consolidato era salito del 13% a 662 milioni.

Tornando al 2018, però, a fronte del calo di redditività le masse amministrate sono salite del 2% a 220,4 miliardi, spinte da una raccolta pari a 7,9 miliardi.

Al tempo stesso si riaffaccia l’ipotesi di un’ipo della private bank. Paolo Molesini amministratore delegato e direttore generale di Fideuram Ispb, in un’intervista oggi a “La Stampa” sostiene infatti, da una parte, che “non spetta al management” dire se è tramontata l’idea di quotare la banca, ma aggiunge pure che la quotazione “ci darebbe ulteriore visibilità”.

Molesini, indicando il target di 300 miliardi di aum entro il 2021, aggiunge che la banca, dopo aver avviato il progetto di creazione dell’hub di private banking in Svizzera, ha aperto a Buenos Aires e Montevideo e sta cercando una soluzione a San Paolo in Brasile. Anche perché è “poco probabile – ha spiegato Molesini – un’aggregazione in Italia”.

Per i risultati completi cliccare qui sotto
Fideuram – risultati 3Q2018 – ITA


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Ti può anche interessare

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 9/04/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Fattura elettronica, Pec e firma digitale: nuova convenzione Anasf

Come riportato nel proprio sito istituzionale, Anasf ha siglato una convenzione con l’Unione Nazio ...

Gooruf Asia, allo studio un progetto di Ico

Asia, Regno Unito e Italia i mercati-target della campagna di prevendita basata sulla tecnologia Blo ...