Fideuram, l’utile è in calo

A
A
A

Nei primi nove mesi profitti a 657 mln, in discesa dell’1% sul 2017 quand’erano cresciuti del 13%. Si riparla di quotazione, Molesini: “ci darebbe ulteriore visibilità”.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino12 novembre 2018 | 08:41

La difficile situazione dei mercati finanziari di questi ultimi mesi colpisce anche Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking (Ispb), la grande banca private controllata da Intesa Sanpaolo, che proprio quest’anno festeggia i 50 anni della sua nascita. Nei primi nove mesi di quest’anno, infatti, l’utile consolidato è stato di 657 milioni di euro, in calo dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2017. Nei primi nove mesi dello scorso anno l’utile netto consolidato era salito del 13% a 662 milioni.

Tornando al 2018, però, a fronte del calo di redditività le masse amministrate sono salite del 2% a 220,4 miliardi, spinte da una raccolta pari a 7,9 miliardi.

Al tempo stesso si riaffaccia l’ipotesi di un’ipo della private bank. Paolo Molesini amministratore delegato e direttore generale di Fideuram Ispb, in un’intervista oggi a “La Stampa” sostiene infatti, da una parte, che “non spetta al management” dire se è tramontata l’idea di quotare la banca, ma aggiunge pure che la quotazione “ci darebbe ulteriore visibilità”.

Molesini, indicando il target di 300 miliardi di aum entro il 2021, aggiunge che la banca, dopo aver avviato il progetto di creazione dell’hub di private banking in Svizzera, ha aperto a Buenos Aires e Montevideo e sta cercando una soluzione a San Paolo in Brasile. Anche perché è “poco probabile – ha spiegato Molesini – un’aggregazione in Italia”.

Per i risultati completi cliccare qui sotto
Fideuram – risultati 3Q2018 – ITA


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Bluerating Awards: il videomessaggio di Foti ai consulenti

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Private Banking Awards, ecco i premiati

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

Mediolanum, Doris passa il testimone ai figli

MCU, un nuovo viaggio attraverso la luce

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

Le Traiettorie Liquide di Banca Generali

Societe Generale, talent scout nel fintech

Ti può anche interessare

Generali, partnership sulle unit linked con Dws

Accordo dopo un processo di selezione condotto dalla business unit Asset, Wealth and Investment Man ...

Deutsche Bank, crolla l’utile nel trimestre

Tra gennaio e marzo, colosso tedesco ha realizzato profitti per 120 milioni di euro. ...

Btp Italia, adesso rischia anche di essere illiquido

Le considerazioni dei gestori dopo il flop del collocamento. ...