Pictet AM: “Aspettative deluse se troppo ottimisti sulla crescita”

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 14 Maggio 2019 | 12:02
L’esuberanza dei mercati azionari globali implica un certo ottimismo sulla crescita economica e sugli utili societari. Ma tali aspettative potrebbero essere deluse.

Le azioni hanno vissuto un mese strepitoso (con un rialzo di oltre il 10% da inizio anno), sia per il continuo avanzamento delle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina sia per i moderati segnali di stabilizzazione della produzione industriale a livello mondiale.
Ma i guadagni stellari del mercato nascondono qualche scheletro nell’armadio. A livello globale, i dati economici hanno deluso le attese degli analisti per 14 mesi di seguito, il periodo più lungo dallo scoppio della crisi finanziaria.
Il commercio mondiale, in termini di volumi, è attualmente al suo livello più basso dal 2009, mentre la fiducia delle aziende delle economie sviluppate sta calando. Contemporaneamente, gli investitori paiono troppo ottimistici sulle prospettive di crescita degli utili societari.

Questo ciò che si evince dal Barometro di maggio 2019, panoramica mensile sull’asset allocation a cura della Strategy Unit di Pictet Asset Management.

Gli indicatori di Pictet AM suggeriscono che la crescita del PIL globale rallenterà al 2,4% annualizzato entro l’inizio di luglio, dal 2,9% di fine 2018 – con buona parte del rallentamento riconducibile alle economie sviluppate.
I Paesi emergenti continuano a godere di prospettive economiche migliori e i loro tassi di crescita miglioreranno fino al 4,4% annuo nel 2019, dal 4,2% dello scorso anno.

I dati sulle valutazioni mostrano che le azioni non sono particolarmente costose e le azioni globali sono scambiate con un rapporto price to earnings di 17x e price to book di 2x.
Ciò che preoccupa è la possibilità che si verifichi un brusco crollo degli utili societari dopo la crescita del 15% dello scorso anno.

Settori azionari e regioni: possibile delusione

L’indice S&P 500 ha stabilito un nuovo record ad aprile, con l’ottimismo degli investitori alimentato da margini societari in crescita. Ma attese così elevate sono in conflitto con il contesto macroeconomico. Per la prima volta dalla fine degli anni ’70, i salari reali statunitensi crescono più della produttività della manodopera. Il costo del debito e l’inflazione sono entrambi in risalita, mentre la crescita economica sta rallentando. La persistente forza del dollaro è un ulteriore ostacolo. Una contrazione significativa dei margini sarà inevitabile. Infatti, la forma della curva dei rendimenti dei Treasury USA  implica un calo complessivo di circa il 30% dei margini di profitto negli Stati Uniti nei prossimi cinque anni, in base alla performance storica.

Panoramica sui mercati globali: impennata delle azioni

Le azioni globali sono cresciute in aprile, con l’MSCI World che ha raggiunto nuovi record. Gli utili sono stati trainati dai settori ciclici, a elevato beta. I settori finanziario, IT, dei servizi di comunicazione e dei beni di consumo voluttuari hanno guadagnato tra il 5 e il 7% ciascuno nel mese, in valuta locale. Per contro, i titoli dei settori sanitario e immobiliare hanno sottoperformato, mentre il settore energetico ha guadagnato solo lo 0,4%.

Le obbligazioni globali hanno perso un po’ di terreno, con le perdite maggiori riportate dai gilt britannici.

Il debito sovrano del Regno Unito ha perso l’1,6% dopo che la Gran Bretagna ha ottenuto una proroga all’uscita dall’Unione europea e il Parlamento ha votato una legge per impedire una Brexit senza accordo.
Il debito societario ha tenuto meglio, con guadagni tra lo 0,5% e l’1,5%. Il debito high yield è andato particolarmente bene, sia in Europa che negli Stati Uniti.
Il dollaro ha guadagnato leggermente terreno, raggiungendo il livello massimo degli ultimi due anni rispetto ad un paniere di valute ponderato per gli scambi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, l’Europa batte un colpo

Consulenti, la ripartenza deve essere tinta di verde

Consulenti, cosa significa la sentenza tedesca per il futuro dell’Europa

Consulenti, il coronavirus sarà letale per la globalizzazione?

Consulenti, con il petrolio sarà crollo definitivo?

Consulenti, la mossa vincente contro il coronavirus

Consulenti, prestate attenzione all’eurozona

Consulenti, i vantaggi dei piani di accumulo

Consulenti, quale via di uscita dal Coronavirus?

Consulenti, le banche unite contro il Covid-19

Consulenti, la vera natura del Coronavirus

Consulenti, il coronavirus si combatte con la politica economica

Consulenti, il vostro portafoglio sopravviverà al Coronavirus

Pictet, il wealth management sbarca nel Principato

Pictet, il real estate fa il pieno

Pictet, virata green sul bilancio

Consulenti, ecco come il coronavirus può impattare sul vostro portafoglio

Consulenti finanziari, ecco perché l’obbligazionario asiatico può fare bene al portafoglio

Pictet, al via al nuovo roadshow invernale

Pictet AM, un anno più robusto per i mercati emergenti

Pictet, “Innovazione per un mondo più sano”

Pictet AM: “Per il 2020 ottimismo cauto”

Pictet AM, gli zombie stanno avanzando

Pictet, un premio nel nome della sostenibilità

Pictet AM: l’eurozona, un piano per un futuro più luminoso

Pictet AM: Fixed Income – Sbloccare il capitale umano nelle economie emergenti

Pictet, sfide e opportunità nell’avanzata dei Millennial

Pictet AM: “L’importanza della fiducia dei consumatori”

Consulenti, il roadshow di Pictet ai raggi X

Pictet AM: sta per partire il Roadshow autunnale 2019

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Pictet AM: “I Paesi dell’Europa centrale si dimostrano resilienti”

Pictet AM: “La recessione è nei prezzi, ma non nei fondamentali”

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: sotto la lente le grandi reti

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Governo, pochi giorni per decidere

Siamo arrivati alla fine dei giochi. Ieri, giovedì 22 agosto, sono terminate le consultazioni e il ...

Guerra dazi, la dote amara della recessione

Ancora giornate buie per i mercati, che continuano a risentire della guerra commerciale tra Stati Un ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X