BB Biotech, le prossime approvazioni hanno il potenziale per rialzi significativi

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Marzo 2017 | 12:30

 
A cura di Bb Biotech
Il Nasdaq Biotech Index (NBI) ha chiuso il mese di febbraio con un progresso del +6.9% in USD. Il NAV di BB Biotech è cresciuto del +8.6% in USD, +10.0% in CHF e +10.5% in EUR, mentre il prezzo dell’azione di BB Biotech è salito del +8.1% in USD, +9.5% in CHF e +11.6% in EUR. Il mese di febbraio è stato caratterizzato da un forte accento posto sui fondamentali, con scarsi sviluppi sul versante politico e macroeconomico e quindi con una minore volatilità settoriale. Sono stati inoltre pubblicati vari aggiornamenti su utili e prospettive, e la maggior parte delle società presenti nel nostro portafoglio ha potuto comunicare solidi risultati.
L’incontro del presidente Trump con i CEO del settore farmaceutico e biotech ha migliorato il sentiment degli investitori nei confronti delle aziende che sviluppano farmaci altamente innovativi, con una conseguente notevole riduzione della pressione dei mercati, a fronte tuttavia di una prosecuzione dei commenti sui prezzi dei farmaci. L’accento degli investitori è ora tornato sulla promessa del presidente Trump di abolire il sistema “Obamacare”, e l’annuncio di un piano dettagliato è atteso dopo la pausa dei lavori di marzo del Congresso statunitense.
Incyte (+9.8%, in USD) ha messo a segno un progresso significativo, toccando un nuovo massimo per l’anno in corso, dopo l’annuncio che il suo titolo sarebbe stato incluso nell’indice S&P500  all’apertura delle negoziazioni il giorno di martedì 28 febbraio 2017.
Esperion (+115.9%, in USD) ha fatto registrare per tutto il mese di febbraio un rally a seguito della pubblicazione da parte di Amgen dei dati positivi per uno studio cardiovascolare su Repatha. Lo studio sull’anticorpo anti-PCSK9 ha raggiunto gli endpoint sia primari che secondari, fornendo quindi indicazioni positive per altre aziende come Esperion che hanno preparati analoghi in via di sviluppo.
Kite (+38.8%, in USD) ha pubblicato risultati positivi a sei mesi per Zuma-1, indicando un tasso di risposta obiettiva (ORR) del 41%, inclusa una risposta completa (CR) del 36%. Nel sottogruppo di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B, il principio attivo axicabtagene ciloleucel (in precedenza denominato KTE-19) ha conseguito un ORR del 36%, mentre il tasso CR è stato del 31%. Kite prevede di completare entro la fine del 1° trimestre 2017 la propria domanda  continuativa di approvazione per l’indicazione terapeutica del linfoma non-Hodgkin aggressivo.
OUTLOOK. BB Biotech ritiene che le future pietre miliari sul piano normativo e le prossime approvazioni di prodotto offrano il potenziale per rialzi significativi, in quanto le attuali valutazioni dei mercati azionari appaiono prossime a minimi record. Prevediamo altresì una buona prosecuzione dei progressi sul piano operativo e un rilancio delle attività M&A. Nel corso dei prossimi trimestri, i punti interrogativi circa la direzione futura della politica sanitaria sotto l’amministrazione Trump costituiranno tuttavia fattori di incertezza incombenti sul settore  biotech.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

BB Biotech allunga il passo a Piazza Affari. I prossimi target

BB Biotech prossimo al completamento di un movimento a “V”

BB Biotech, l’approccio scientifico agli investimenti si conferma vincente

NEWSLETTER
Iscriviti
X