Guerra commerciale Usa-Cina: il vero nodo è la proprietà intellettuale

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 6 Agosto 2019 | 15:30

Come gestire gli investimenti in un mondo dagli esiti binari, dove il contesto macro può ribaltarsi completamente nel tempo che si impiega a lanciare una monetina – o a digitare 140 caratteri? Più precisamente, non è solo una questione di flussi di notizie in continua evoluzione. Oggi, il problema è che non solo il flusso di notizie è volatile, ma anche le prospettive per i fondamentali, come quelle determinate dal commercio globale, possono cambiare in maniera imprevedibile. Ecco la view di Fabiana Fedeli, Global Head of Fundamental Equities di Robeco.

La nostra risposta è: focalizzarsi sui cambiamenti strutturali, individuando opportunità meno soggette a questo genere di variazioni, indipendentemente dai tweet del Presidente Trump e dalle successive reazioni. È più facile a dirsi che a farsi, ma non è impossibile. In Cina, le nostre strategie hanno sovraperformato il mercato investendo in settori che beneficeranno degli stimoli governativi. Guerra commerciale o meno, il governo cinese dovrà continuare a stimolare un’economia che mostra segni di indebolimento. Sarà solo questione della profondità degli stimoli da mettere in campo, in base a quanto accadrà al commercio globale e ai dati macroeconomici.

I temi relativi all’IT e alla proprietà intellettuale persisteranno

Come evidenziato dagli avvenimenti che hanno portato Huawei a essere inserita nella blacklist degli scambi americani (c.d. “Entity List”), Cina e Stati Uniti non sono divisi solo dal commercio. A nostro parere, le controversie in materia di proprietà intellettuale tra le due superpotenze, ed i timori in materia di tecnologie per la sicurezza, sono destinati ad affermarsi in quanto problematiche a lungo termine. Anche se nel breve periodo dovessimo assistere a una sorta di tregua inquadrata all’interno di una qualche forma di accordo commerciale (ed in questo caso il “se” è veramente grande), riteniamo che la battaglia sul piano della proprietà intellettuale sia destinata a continuare.

Per gestire questa fonte di incertezza, alcune aziende stanno rinviando gli ordini e altre stanno già provvedendo a riorganizzare le catene di approvvigionamento. Le imprese non dovranno solo sostenere investimenti e costi per trasferire le supply chain al di fuori della Cina, ma saranno probabilmente costrette a frammentare tali catene. Questo perché non esiste sostanzialmente nessun Paese attualmente in grado di offrire lo stesso livello di disponibilità di lavoratori e infrastrutture dell’ex Celeste Impero.

Tutto ciò comporterà un ritardo nei cicli di investimento, maggiori costi e – al limite – anche la creazione di due ecosistemi IT: uno guidato dalla Cina e uno dagli USA. Quest’ultimo risvolto avrebbe implicazioni pesanti per lo sviluppo tecnologico a livello globale e, ancora una volta, sul fronte dei costi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, dove trovare valore in Cina

Te la do io l’America, ora i consumatori cinesi preferiscono i brand domestici

I pianeti si sono allineati per la crescita della Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X