Piano Paulson: entrano in campo Obama e McCain

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Ottobre 2008 | 11:35
Dopo la bocciatura di Lunedì alla Camera, repubblicani e democratici sono chiamati a trovare una soluzione “necessaria e sufficiente” a risollevare l’economia USA. Oggi, molti operatori di mercato, analisti e gestori si aspettano che il Senato proceda a una votazione definitiva, grazie anche all’intervento dei due candidati alla presidenza della Casa Bianca.

Oggi operatori di mercato, analisti e gestori si aspettano che il Senato degli Stati Uniti proceda ad una nuova votazione  e conseguente approvazione del piano da 700 miliardi di dollari proposto dal presidente George W. Bush e voluto dal segretario al Tesoro americano Henri Paulson per risollevare l’economia americana.

La Camera ha respinto lunedì la proposta con 228 voti contrari e 205 a favore. L’indice di borsa Dow Jones Industrial Average ha reagito con un crollo senza precedenti, polverizzando oltre un miliardo di dollari di capitalizzazione.

E’ di queste ore la notizia che i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Barack Obama e John McCain, parteciperanno al voto.
Dopo la bocciatura, nel piano sarebbero state introdotte una serie di novità, compresa la possibilità di far salire da 100.000 a 250.000 la copertura assicurativa garantita dallo Stato su ogni deposito.

Nella migliore delle ipotesi, la nuova versione, raggiunta dopo intensi incontri tra Democratici e Repubblicani, verrà definita oggi e firmata da Reid e dal leader repubblicano in Senato Mitch McConnell, prima di essere presentata in aula. L’obiettivo è quello di portare il provvedimento alla Camera in modo da presentarlo a Bush per la firma, entro la fine della settimana.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

NEWSLETTER
Iscriviti
X