Crac Islanda – si muovono Germania, UK e Olanda

A
A
A
di Marco Mairate 21 Novembre 2008 | 12:30
Aumentano gli interventi a sostegno dell’economia Islandese. Dopo l’intervento del Fondo Monetario anche Germania, Inghilterra e Olanda mettono sul piatto 5 miliardi di euro, soldi però, che nella maggior parte dei casi serviranno per ripagare le perdite subite dai correntisti esteri della banca online Icesave.

Il bollettino quotidiano sullo stato di salute dell’economia islandese oggi accoglie buone notizie.  Secondo quanto riportato dal WSJ, il pacchetto di aiuti economici per la disastrata economia islandese dovrebbe salire a 10,1 miliardi di dollari rispetto i 5 miliardi già stanziati.

A dare una mano all’Islanda sarebbero gli interventi di Regno Unito, Germania e Olanda che insieme metto sul piatto 5 miliardi di dollari.

La notizia è confermata anche dal Ministro delle Finanze islandese, Martti Hetemaki. Secondo i primi dettagli i 5 miliardi di aiuti stanziati dal Fondo Monetario e da altri paesi dovrebbero servire per stimolare la ripresa economica del paese mentre i secondi 5 miliardi andranno direttamente ad intervenire sui depositi intestati agli investitori esteri.

L’obiettivo principale è quello di stabilizzare il valore della Krona islandese: questo perché gran parte del debito estero islandese è legato ai tassi di interesse o indicizzato all’inflazione.  Per questo motivo l’Islanda ha adottato un atteggiamento misto fatto di una politica monetaria restrittiva (i tassi di interesse sono al 18%) e restrizioni sui capitali in uscita.  La banca centrale del paese starebbe inoltre lavorando sul mercato valutario cercando di frenare l’ondata di riscatti che potrebbero colpire la valuta non appena verrà riaperto il mercato valutario.

UN AIUTO A SOSTEGNO DEI PROPRI RISPARMIATORI

Un rappresentate del Ministero delle Finanze olandese, ha detto che presterà 1,3 miliardi di euro all’Islanda: questi soldi dovrebbero servire per ripagare i clienti olandesi che hanno aperto un conto presso la banca online Icesave.

Anche il Regno Unito vuole correre in aiuto dei correntisti di Icesave che in total hanno 2,2 miliardi di sterline sui conti della banca. 

Ancora poca chiarezza sulle finalità dell’intervento tedesco, Il governo Merkel ha comunque detto che i dettagli dell’operazione verranno ufficializzati tra pochi giorni.

Separatamente, i governi di Svezia, Norvegia, e Danimarca hanno deciso di prolungare i 500 milioni di euro di aiuti (attraverso uno swap) dopo che il Fondo Monetario ha ufficializzato il proprio sostegno all’Islanda.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Index o Unit Linked, il capitale deve essere restituito

Index e unit salvate dall’Europa

Polizze index e unit linked, per la Cassazione sono prodotti d’investimento

NEWSLETTER
Iscriviti
X