Natale 2016 fa bene a Home Depot

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 28 Dicembre 2016 | 09:31
Il Natale 2016 si preannuncia memorabile per società come Home Depot se saranno confermate le stime sull’andamento delle vendite. Tutta un’altra musica per il settore abbigliamento.

VENDITE NATALIZIE IN CRESCITA NEGLI USA – Mentre in Italia si stanno ancora finendo di digerire gli ultimi pranzi e cene natalizie e post-natalizie, in America è già tempo di bilanci e quest’anno sembrano particolarmente positivi. Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg citando dati elaborati da Customer Growth Partners, nella stagione natalizia 2016 le vendite al dettaglio negli Usa dovrebbero aver registrato un incremento del 4,9% su base annua, il maggiore dal 2005.

BENE L’ELETTRONICA E I GIOCATTOLI – In precedenza sempre Customer Growth Partners aveva previsto un incremento delle vendite del 4,1% annuo. Molto bene sarebbero andate le vendite online, che ora il centro studi valuta in crescita del 15% annuo, con un incremento di oltre un punto percentuale rispetto alle stime precedenti. Vendite robuste e sconti minimi sarebbero stati messi a segno dai beni dell’elettronica da consumo, dai prodotti di bellezza, dai prodotti per la casa e dai giocattoli.

ABBIGLIAMENTO ANCORA IN CRISI – Ben diversa la situazione per il comparto abbigliamento dove, complice anche il clima relativamente mite, sconti tra il40% e il 50% sarebbero stati diffusi e necessari anche solo per portare i potenziali clienti a entrare nei negozi ed acquistare abbigliamento invernale. Così se per una catena come Home Depot il Natale 2016 si preannuncia memorabile anche in termini contabili, per migliaia di piccoli e medi negozi di abbigliamento potrebbe essersi trattato dell’ennesimo Natale con pochi o nessun dono sotto l’albero.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X