Rc auto, costano di più se alla guida c’è un uomo o una donna?

A
A
A
di Redazione 3 Novembre 2016 | 13:26

Quanto può arrivare a costare i premi per le Rc auto in Italia per le donne e per gli uomini ed esistono differenze di costo in base al sesso dell’assicurato? Quali i modelli di macchina più usati nel nostro Paese?

SosTariffe.it ha cercato di stimarlo analizzando i preventivi pervenuti alla sezione del comparatore per assicurazione auto individuando le differenze di costo in base ai principali elementi anagrafici di chi richiede il preventivo auto.

L’auto che gli uomini hanno assicurato di più nel 2016 è la Grande Punto, mentre le signore scelgono più spesso la 500 per gli spostamenti. Per quanto riguarda l’età, come si può vedere dalla tabella, gli uomini e le donne che assicurano la propria auto hanno entrambi un’età media di 45 anni.

Gli uomini spendono 820 euro in media per assicurare l’auto, mentre le donne 672 euro. Questo significa che le donne pagherebbero per l’assicurazione auto circa 148 euro all’anno in meno degli uomini.

Questa disparità può essere ricondotta al fatto che, sempre secondo lo studio di SosTariffe.it, il numero dei preventivi pervenuti online è nettamente superiore per gli uomini. In tutto il 2016, infatti, circa il 71,7% di tutti i preventivi pervenuti a SosTariffe.it sono stati richiesti da uomini, mentre il restante 28,8% da donne.

Dato che gli uomini richiedono più preventivi è logico che allargando le possibilità di preventivazione ci siano maggiori i fattori che incidono sul prezzo.

Anche la classe di merito di appartenenza rappresenta un elemento che può influire sul premio dell’assicurazione. A quanto pare, tuttavia, secondo questo aspetto uomini e donne si equivalgono: secondo lo studio di SosTariffe.it, infatti, la classe di merito di appartenenza è in media la 4°.

Nello studio è stato anche individuato l’impiego più gettonato da chi assicura un’auto. In entrambi i generi la professione prevalente è l’impiegato, ma molte richieste sono arrivate da donne casalinghe e uomini operai.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X