Vontobel completa l’acquisizione di Notenstein La Roche

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio3 luglio 2018 | 09:08

Va in porto la cessione di Notenstein La Roche da Raiffeisen a Vontobel. Quest’ultima ha annunciato di aver completato la transazione, che è stata finanziata in parte attraverso fondi propri e per il resto tramite capitale raccolto sotto forma di un’obbligazione Additional Tier 1 (AT1) collocata con successo il 13 giugno scorso, per un valore nominale di 450 milioni di franchi, con una cedola del 2,625%.

Il prezzo pattuito è di 700 milioni di franchi. La banca ceduta è presente in Svizzera con 13 sedi e ha in gestione 16,5 miliardi di franchi; lo scorso anno ha realizzato un utile superiore ai 23 milioni. La transazione dovrebbe essere portata a termine nel terzo trimestre, previa approvazione delle autorità di regolamentazione.

La cessione è conseguente al riposizionamento deciso da Raiffeisen (unione di 225 bcc elvetiche) dopo lo scandalo che ha investito l’ex-ceo Pierin Vincenz. Il nuovo management, guidato da Patrick Fürer, ha deciso di concentrarsi sul segmento della clientela privata con patrimoni medio-piccoli. Questa scelta ha provocato nei mesi scorsi l’uscita di diversi banker, a cominciare dal responsabile gestione dei portafogli Roger Ganz, da 25 anni in organico. Ha lasciato la banca zurighese per passare a svolgere il medesimo ruolo in Clarus Capital Group. Lo scorso anno è invece arrivato l’addio di Fabian Dori, responsabile delle attività di advisory.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca del Fucino, scricchiola l’intesa con Barents

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Ubp fa shopping in Lussemburgo

Ti può anche interessare

Importante deal nel Nord Italia per IGD Siiq

Il portafoglio comprende: Centro Commerciale Leonardo a Imola, Centro Commerciale Lame a Bologna, Ce ...

Banca del Fucino sceglie Barents

Una piccola, ma storica e ben radicata private bank italiana e un gigante mondiale delle riassicuraz ...

Nuovo fondo per Bmo Real Estate Partners

Il fondo vantava già due immobili di primo livello a Verona e Madrid, per un totale di circa 39 mil ...