Le sfide del 2019

A
A
A
Marcello Gualtieri di Marcello Gualtieri3 gennaio 2019 | 09:55

Nel mondo instabile e super veloce di oggi rischiano di rilevarsi infondate anche le previsioni di brevissimo periodo, a maggior ragione si corrono grossi rischi a lanciarsi su previsioni annuali. Nondimeno è importate provare a indicare tendenze e temi almeno di medio periodo per non perdere il senso della prospettiva, assorbiti come siamo dall’incalzare delle informazioni che rendono obsoleta una notizia già dopo poche ore.

 

Preoccupa il debito pubblico

Credo che ci sia un unico tema che finirà per influenzare le decisioni di investimento nell’anno appena iniziato. E non saranno le elezioni europee di maggio 2019, che non saranno – credo – un punto di svolta, come qualcuno ritiene. Qualunque sia il Parlamento che ne uscirà, i Trattati Europei sono difficilmente modificabili e comunque non lo sono certamente nel breve-medio periodo.

Per questo motivo il punto centrale per gli investitori sarà tutto interno: la credibilità del debito sovrano italiano. La fine degli acquisti netti del programma del QE della Bce, la fine del mandato di Draghi e il rallentamento della congiuntura internazionale faranno da sfondo alla situazione della finanza pubblica italiana, che influenzerà l’intera economia del Paese, come ormai evidente a causa della traslazione del rischio Italia direttamente sul sistema bancario. Come avevamo previsto, anche in regime di tassi bassi nella zona Euro, i rendimenti dei titoli di Stato, senza il cappello protettivo del QE, stanno prezzando in modo spietato il rischio Paese, con ripercussioni sui requisiti patrimoniali delle Banche e sul costo della raccolta.

 

Limiti della politica

La finanza pubblica ha sprecato anni di buona congiuntura e di tassi bassissimi senza mettere in ordine i conti; l’insipienza del nuovo Governo Lega- 5 Stelle ha fatto il resto. Non credo che lo squalificato governo, con i suoi impresentabili pseudo economisti (Borghi, Bagnai, Castelli, Rinaldi) possa recuperare credibilità finanziaria: una volta persa non si recupera più.

Se si vuole evitare la terza recessione in 10 anni, possiamo solo fare affidamento nel Presidente della Repubblica che ha sempre la possibilità (meglio, l’obbligo) di non firmare leggi senza coperture. Da qui potrebbe nascere un governo tecnico che non sprechi la straordinaria forza del nostro sistema produttivo; Mario Draghi, finito il mandato alla BCE, può essere l’ultima risorsa.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali: “Il futuro del private banking è sostenibile”

Private banking: un modello da esportazione

Private banking italiano, un modello di successo

Private banking, profitti in picchiata

Private banking, un’opportunità chiamata Spac

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

L’Africa è il nuovo Eldorado per il private banking

Il private banking guadagna spazio tra i canali distributivi

Banche europee, il rilancio passa dal private banking

Consulenti sveglia, i ricchi hanno voglia di investire

Banca del Fucino, pronti per il rilancio con Igea

Per le fiduciarie è l’ora del consolidamento

Il Private banking al fianco delle imprese

Banca Generali: il 10% del gestito sarà in fondi sostenibili

Investment bank, porte girevoli ai vertici

Wealth management: c’è spazio per chi innova

Private banking, prezzi troppo alti

Consulenza finanziaria: sub-advisory di qualità

Private banking: difendiamo i margini

Banca Finnat, colpo grosso per il private

In arrivo incentivi per gli Eltif

I paperoni scelgono la protezione

Anthilia Capital Partners, fiche da 5 milioni su Clevertech

Hanno ucciso il Private Banking…

Private Banking Awards, ecco i premiati

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Torna il Forum del Private Banking

Una banker italiana per Valeur

Private banking – parcella, giochi di seduzione

Un private banking tutto d’un pezzo

Guardiamo nelle tasche di un private banker

Fideuram caput mundi private banking

Private banking, la carica degli stranieri

Ti può anche interessare

UBS mette nel mirino i miliardari americani

Il più grande gestore patrimoniale del mondo, la banca svizzera UBS, sta mettendo a punto una nuova ...

Una boutique per Schroders

Schroders ha recentemente annunciato l’acquisizione di Blue Asset Management (Blue), società tede ...

Mediobanca rafforza la controllata monegasca

Dal 15 maggio Francesco Grosoli (nella foto) sarà il nuovo amministratore delegato di  Compagnie ...