Credem e Banca del Piemonte, wealth management a braccetto

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti3 luglio 2019 | 09:55

Banca del Piemonte, guidata dall’AD Camillo Venesio, sigla un accordo di rilievo con Euromobiliare Advisory SIM, società di intermediazione mobiliare del Gruppo Credem operativa dallo scorso mese di maggio e guidata dal Direttore Generale Gianmarco Zanetti, per la gestione in delega di alcune linee di gestione dei patrimoni. L’accordo avrà effetto dal mese di luglio e le gestioni delegate ad Euromobiliare Advisory SIM saranno tre, una linea total return a basso profilo di rischio e due bilanciate.

La linea total return adotterà una politica di gestione dinamica con approccio internazionale ed una strategia di allocazione attiva, mentre le due bilanciate, entrambe con stile di gestione attivo, cercheranno di cogliere le migliori opportunità di mercato, ma sempre in relazione al benchmark di riferimento e contenendo scostamenti inattesi.

L’Amministratore Delegato di Banca del Piemonte Camillo Venesio ribadisce che “la scelta di conferire questo mandato a Euromobiliare Advisory SIM, quale gestore delegato per alcune nostre linee di gestione patrimoniale, è stata oggetto di un lungo processo di due diligence che ha visto coinvolti altri importanti asset manager nazionali ed internazionali. Banca Del Piemonte, da 107 anni banca regionale indipendente, ha da sempre come obiettivi principali la qualità dei propri servizi e la vicinanza ai bisogni della propria clientela; pensiamo che Euromobiliare Advisory SIM ed il Gruppo Credem siano partner che si integrano al meglio con questa strategia, con la ricerca di servizi innovativi e caratterizzanti per la nostra offerta in uno scenario di crescente complessità per il settore del wealth management sia sotto il profilo normativo, sia di gestione delle dinamiche dei mercati finanziari. Con questo accordo andiamo a rafforzare ulteriormente anche il nostro modello sul segmento private”.

“Questa partnership con Banca del Piemonte è un importante passo avanti nell’ambito dello sviluppo della nostra strategia di crescita in ambito extracaptive, che vede coinvolte tutte le nostre società di wealth & asset management ed in particolare Euromobiliare Advisory SIM. Avere stretto una collaborazione per la fornitura dei nostri servizi di portfolio management con un’importante banca regionale privata è per noi, da un lato, motivo di soddisfazione e, dall’altro, un’opportunità per mettere ulteriormente alla prova la solidità e la qualità dei nostri processi di investimento e le nostre competenze professionali. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando molto intensamente su questi fattori per rendere l’offerta dei servizi di Euromobiliare Advisory SIM un’eccellenza di mercato e la firma di questo accordo crediamo ne sia una conferma”, ha dichiarato il Coordinatore dell’Area Wealth Management del Gruppo Credem Paolo Magnani.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Euromobiliare, pieno di consulenti per il wealth management

Credem, reclutamenti alla fiorentina

Bluerating Awards 2019: Credem, ecco i cf in nomination

Credem, wealth management a tutto reclutamento

Credem, la crescita passa dalle pmi

Credem, destinazione innovazione

Credem emette 500 milioni di Senior Non-Preferred

Credem, il rating è ancora sopra la media

Se il consulente va dallo chef

Credem, la carica dei volontari

Credem, crescita in vista nel credito al consumo con Avvera

Reti Champions League: il ribaltone di Consultinvest

Credem, dalla parte dei bambini

Credem a passo di blockchain

Reti Champions League: giornata da incorniciare per Pietrafresa e Giuliani

Credem, prosegue la crescita della banca assicurazione

BLUERATING in edicola: Crescere con passione

Credem, è tempo di fusioni interne

Credem, le persone prima di tutto

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Credem, oltre 1.000 nuovi clienti

Rendiconti Mifid 2: Credem dà valore all’advisory

Credem, tanta benzina per le Pmi

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Credem sempre pronta al bagher

Credem, ora ti aiuta Emily

Credem, private banking alle grandi manovre

Credem, la gamma esg è sempre più ricca

Reti, quando il private equity diventa retail

Equita-Euromobiliare AM rafforzano la collaborazione con un fondo

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Credem, raffica di assunzioni (anche tra i consulenti)

Credem ingaggia in Campania un big dell’Anasf

Ti può anche interessare

Lacher alla presidenza di Julius Baer

Romeo Lacher (nella foto) è stato eletto presidente di Julius Baer dall’assemblea degli az ...

Igea-Banca del Fucino: così riparte la storica private bank

La storia di Banca del Fucino riparte dall’accordo con Igea Banca, presieduta da Mauro Masi ...

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Un nuovo asso per Eugenio Periti ...