Voluntary disclosure, c’è l’ipotesi delle cassette di sicurezza

A
A
A
Private di Private 18 Giugno 2020 | 07:56

Nonostante qualche mal di pancia all’interno della maggioranza, si fa strada nel Governo l’ipotesi di una nuova voluntary disclosure per far emergere i capitali detenuti illecitamente e rimettere in circolo nel sistema economico denaro fresco per la ripresa.

Prendendo spunto dal piano elaborato da Vittorio Colao, l’esecutivo ragiona sulla possibilità di far pagare un’imposta sostitutiva tra il 10 o il 15% sul denaro detenuto nelle cassette di sicurezza in misura tale da rendere attrattiva l’emersione. Somme fin qui occultate perché, si presume, frutto di lavoro in nero o di attività illecite.

Per non far apparire la misura un favore eccessivo a chi ha violato le leggi, verrebbe fissato l’obbligo di investire il denaro emerso per almeno cinque anni, in tutto o in buona parte, in titoli pubblici, in modo da supportare la crescita economica. In questo senso andrebbero anche le nuove emissioni di BTp allo studio dei tecnici del ministero dell’Economia e delle finanze.

In cambio lo Stato riconoscerebbe un premio al contribuente in grado di coprire i reati di riciclaggio e autoriciclaggio in base a due fattori: a) l’ammontare del denaro emerso e b) il requisito di coerenza in base all’attività svolta dal soggetto per il quale non sussiste necessità di fornire spiegazione sulla provenienza delle somme nascoste al fisco.

La proposta fa breccia in Italia Viva e registra qualche apertura nel PD, più freddi Cinque Stelle e Leu, ma la situazione delle finanza pubbliche potrebbe aiutare a superare le resistenze.

Al momento è prematuro fare delle stime sui possibili incassi. In particolare non è stato chiarito come verrà calcolato il montante sul quale applicare il prelievo, anche se la logica dice che dipenderà non dal fatto di detenere una cassetta di sicurezza, ma piuttosto dall’entità delle somme detenute.  Quindi starà in capo al proprietario della cassetta dichiararne il contenuto in denaro qualora volesse far emergere il contante nascosto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

E’ l’ora della voluntary disclosure 3

In arrivo la Voluntary 3

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Ti può anche interessare

Louis Bacon sotto la lente

Considerato una leggenda nel mondo degli hedge fund, Loius Bacon, 63 anni, fondatore di Moore Capita ...

La dinastia dei banchieri purosangue

Francesca Vercesi     Weatherbys è abituata alle richieste insolite dei suoi clienti, gra ...

UBS: Ermotti lascia, arriva Hamers

E’ una stagione di grandi cambiamenti per le grandi banche svizzere.  Dopo le dimissioni  di ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X