Bce, credito fermo e allarmi immotivati su Basilea 3

A
A
A

La Bce ritiene ingiustificate le preoccupazioni delle banche in merito all’introduzione delle norme di Basile 3, e nel frattempo avverte che i prestiti erogati a dicembre non hanno fatto registrare alcuna variazione.

di Giacomo Berdini29 gennaio 2010 | 14:30

Il sistema bancario strilla allarmi in merito alle le norme di Basilea 3 che si ripercuoterebbero con effetti restrittivi sull’erogazione del credito, ma queste preoccupazioni sono ingiustificate, in quanto l’applicazione delle nuove regole sarà graduale e arriverà solo dopo uno studio d’impatto.
A dichiararlo è stato Lorenzo Bini Smaghi, membro del consiglio esecutivo della Banca centrale europea, che ha ribadito come il ritiro delle misure di sostegno attuate da governi e banche centrali “dovrà essere tempestivo”.

Il banchiere della Bce, intervenuto a Milano ad un convegno organizzato da Ernst & Young, sottolinea inoltre che “i profitti realizzati in questi mesi nel settore bancario, ottenuti grazie anche agli interventi effettuati dalle autorità di politica economica per mantenere in piedi il sistema e dunque in ultima istanza grazie ai contribuenti, devono essere utilizzati per aumentare il capitale piuttosto che per remunerare il management delle banche e i loro azionisti”.
Secondo Bini Smaghi, inoltre, “é preoccupante che le considerazioni relative alla necessità di ricostituire il capitale delle banche comincino ad incidere fortemente sulle decisioni di erogare nuovo credito”, come emerge dall’indagine trimestrale sul credito bancario.

Nel frattempo, sempre dalla Bce, giunge la notizia che i prestiti erogati dalla banche europee al settore privato non hanno fatto registrare alcuna variazione a dicembre. Nel mese di novembre i prestiti avevano segnato una flessione dello 0,7%.
Ora i criteri per l’erogazione del credito sono più stringenti, per le famiglie e le imprese, è quindi “essenziale che i governi nazionali mettano a punto dei piani credibili per ridurre i propri deficit”, ha specificato a Davos il Presidente della Banca Centrale Europea, Jean-Claude Trichet

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Il governatore di Bankitalia Visco, in un'audizione al Senato, ha ricordato dati sulle attività fin ...

Banche fallite, risarcimenti anche per i soci (ma solo in certe condizioni)

In un’intervista a Milano Finanza, il sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta parla di ...

Poste e fondi immobiliari, c’è tempo per i prossimi rimborsi

Audizione alla camera dell’amministratore delegato Francesco Caio: “per gli indennizzi su Obeli ...