Risparmio gestito – Energia per gli investimenti

A
A
A

Efficienza energetica e utility: vendere meno energia e più servizi? Ecco la view di Dexia Asset Management.

di Matteo Chiamenti30 giugno 2010 | 08:30

Per efficienza energetica si intende l’utilizzo di minori fonti di energia per ottenere gli stessi servizi.
Per avere la stessa qualità di illuminazione o riscaldamento, ad esempio, è possibile ridurre
nettamente l’energia utilizzata. L’energia meno cara, più affidabile e più pulita è l’energia che non si
usa. L’ultima ricerca in materia di sostenibilità pubblicata da Dexia Asset Management
approfondisce l’impatto dell’efficienza energetica sul settore delle utility.

Laurent Milliat, analista in materia di sostenibilità presso Dexia Asset Management spiega: “La
nostra ricerca sull’attività delle società del settore utility è incentrata sul fronte della domanda
piuttosto su quello dell’offerta, come invece avviene tradizionalmente nelle analisi sul settore”. Molti
investitori che scelgono le utility conoscono i primi due obiettivi stabiliti dall’Unione Europea per il
2020: riduzione del 20% nelle emissioni di CO2 e quota del 20% di energie da fonti rinnovabili sul
totale del mix energetico.

Laurent Milliat aggiunge: “Tuttavia, molti investitori tendono a ignorare il terzo obiettivo,
che prevede una riduzione del 20% del consumo di energia entro il 2020 rispetto allo
scenario di ‘business-as-usua
l’ ”. Questo obiettivo di più basso profilo sta ora diventando una priorità
per i governi e i consumatori, perché l’efficienza energetica è la soluzione vincente per tre categorie
di problemi: i cambiamenti climatici, la sicurezza dell’offerta e l’accesso all’energia a costi ragionevoli.
Ciononostante, l’efficienza energetica rappresenta una minaccia al tradizionale modello commerciale
delle utility, penalizzato dal declino dei volumi di energia. Il quadro economico attuale rivela con
chiarezza quanto il calo della domanda di energia sia negativo per le aziende del settore. Laurent
Milliat aggiunge: “La conclusione principale a cui giunge questa ricerca è che, in regioni mature
come l’Europa, chi investe in utility deve considerare che il calo della domanda di energia non è
meramente ciclico (dovuto alla recessione economica), ma che esistono fattori strutturali associati
all’impegno di consumatorii e governi di accrescere l’efficienza energetica che freneranno la crescita
della domanda di energia e potranno in prospettiva determinare una flessione duratura dei consumi
energetici complessivi”. Le utility possono in parte trasformare in opportunità le minacce rappresentate dall’efficienza
energetica
. Esse stanno progressivamente modificando la loro attività, privilegiando un modello che
prevede la vendita di meno energia ma di più servizi energetici:

Sul mercato residenziale britannico, Centrica e Scottish & Southern Energy sono in buona
posizione per riuscire a sfruttare l’offerta di nuovi servizi alle famiglie, quali certificazioni
energetiche, lavori di isolamento dei fabbricati, soluzioni di micro-generazione di energia o
contatori intelligenti. I servizi sono uno strumento per attrarre nuovi clienti, accrescere il loro
valore e garantire la loro lealtà. Sul mercato energetico istituzionale, rivolto alle industrie o agli enti locali, Veolia
Environnement e GDF Suez trarranno profitto dalle loro divisioni di servizi energetici. I
grandi clienti sono infatti interessati a ottimizzare i consumi di energia, riducendo i costi e
l’impronta ecologica, con l’aiuto di esperti del settore.

Nei mercati liberalizzati dell’energia, le società del settore hanno tutto l’interesse a non limitarsi solo a
generare e distribuire unità di energia. In termini di valutazione, poi, chi investe nel settore farà
ricorso a multipli sempre più elevati per valutare le attività dei servizi energetici.

Il fondo SRI Dexia Equities L Sustainable Green Planet investe in aziende che forniscono
tecnologie innovative e sostenibili per rispondere alle attuali sfide ambientali. All’interno dei diversi
segmenti di investimento, l’energia sicura è quello sicuramente di maggior impatto, con una gamma
di aziende in grado di offrire ad esempio strumenti di misurazione intelligente e tecnologie di
illuminazione a risparmio energetico.
Isabelle Cabie, Responsabile ISR di Dexia AM conclude: “In un momento in cui i costi di lungo
termine dell’energia sono destinati ad aumentare, mentre le nuove politiche di efficienza
energetica puntano sul risparmio di energia, riuscire ad offrire servizi energetici sta
diventando un elemento di forza
. Gli investitori in utility devono essere consapevoli di questo
nuovo trend per riuscire a posizionarsi su questo segmento fin dalle sue fasi iniziali”. 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Raccolta, le polizze battono i fondi

BlackRock scalda i motori per l’Investment Tour 2017

Degroof Petercam: 5 buoni motivi per puntare sui bond corporate high yield in euro

Volete far centro in borsa? Puntate su titoli noiosi

La Brexit fa paura: disinvestimenti netti per 3,5 miliardi di sterline dai fondi inglesi in giugno

Fondi: non si arresta la fuga dagli azionari, ecco dove stanno andando i flussi globali

Azimut Trend Italia recupera parte del terreno perso da inizio anno

Plurima Junior Resources Fund termina giugno in grande rimonta

Assoreti, raccolta stabile a maggio

Fonditalia Euro Financials paga cara la Brexit

Gestielle Obiettivo Europa approfitta della volatilità per rimbalzare

Fondi aperti, 13 miliardi raccolti in un trimestre

Fonditalia Euro Bond Long Term R, il rialzo prosegue

Generali sul tetto d’Europa

Aberdeen Global Select Emerging Mkt Bond A1 in ripresa da inizio anno

Materiali industriali in ripresa, Amundi ringrazia

Zenit Pianeta Italia I riduce il rosso da inizio anno

Interfund Equity Japan A prova a ripartire

Eurizon Azioni Salute prova a ripartire

Anima Bluebay Reddito Emergenti cavalca il rimbalzo

Anima Traguardo 2017 Cedola 4 III recupera terreno

Oddo European Banks ringrazia la Bce e spicca il volo

Alkimis Capital Ucits Coupon dimezza il calo da inizio anno

Bnl Azioni Europa Dividendo in ripresa, ma ancora non basta

Promotori, training class: mettetevi alla prova con il benchmark dei fondi comuni d’investimento

Fonditalia Equity China R risale la china

Ti può anche interessare

Schroders, crescono le masse e gli utili

La casa di gestione londinese ha chiuso il 2016 con un incremento del 27% degli asset in gestione. ...

Gam lancia il Gam Systematic Global Equity Market Neutral

Il fondo investe nelle 2500 azioni ritenute le più liquide di tutto il mondo, impiegando diversi mo ...

Neuberger Berman lancia un comparto sulle strategie decorrelate

Il comparto ha l’obiettivo di generare rendimenti assoluti positivi e di concentrarsi su strategie ...