Anche i ricchi preferiscono i bond

A
A
A

Il 26% del portafoglio dei grandi investitori sulle obbligazioni corporate e governative

di Giacomo Berdini9 febbraio 2010 | 11:30

Lo studio annuale condotto dall’Ufficio Studi Aipb sulla clientela private ha analizzato le dimensioni del comparto e la composizione dei portafogli, per fare luce sulle potenzialità del mercato e sulle scelte operate dai clienti, in modo da definire un quadro all’interno del quale il settore del Private Insurance inserisce la propria offerta, e capire di conseguenza quali direzioni è più giusto prendere per venire incontro alla domanda, soddisfacendo le richieste del ramo con un’offerta che si muova a 360 gradi.
Innanzitutto il report ha analizzato le percentuali del mercato potenziale italiano, calcolato in relazione alla dimensione della ricchezza totale delle famiglie con un patrimonio finanziario investibile superiore a 500.000 euro. Confrontando questi dati con l’andamento degli asset gestiti da strutture private specializzate, è emerso come la parte del mercato servita dal private banking si aggiri intorno al 40% del totale, e mostri una crescita esponenziale nel corso del tempo nonostante le ripercussioni della crisi. Negli ultimi 3 anni, infatti, la porzione servita dal private è salita dal 40% del 2007 al 43% del 2009, con un trend di incremento destinato ad aumentare nell’arco di quest’anno.
All’interno di questo 43%, la composizione del portafoglio è articolata in prodotti diversificati, che vanno a comporsi essenzialmente in otto categorie. Il comparto dei fondi è quello che risulta tra i meno favoriti dalla clientela private, attirando il 6% della porzione servita. Subito sopra sta l’azionario, a quota 8%. Le obbligazioni corporate catturano il 10%, subito sotto la liquidità che occupa un valore medio dell’11% dei portafogli private italiani.
I titoli di Stato si mantengono forti a quota 15%, e ottengono pari preferenze al 16% le obbligazioni bancarie e le gestioni patrimoniali. Ciò che però risulta più interessante, soprattutto alla luce dell’analisi del mercato potenziale del Private Insurance, è che le famiglie italiane detengono in portafoglio una quota di prodotti assicurativi vita pari al 18%. La nuova produzione di prodotti assicurativi vita italiana è pari a 44,4 miliardi di euro e, all’interno di questa, la sezione dedicata alla clientela private rappresenta il 9,2%, per un valore complessivo di 4,4 miliardi di euro. Di questa quota, l’84% delle polizze vita dedicate alla clientela private è stato distribuito da strutture di private banking.
Il fatto che il mercato offra delle buone potenzialità è confermato inoltre dal fatto che ben il 64% dei clienti intervistati mostri una forte preoccupazione per quanto riguarda la possibilità di perdere il capitale investito, mentre il 32% teme di subire danni al patrimonio familiare.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consob e la macchina delle sanzioni

Ecco il menù di Bnp Paribas a ITForum 2018

Consulenza finanziaria in semplicità

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

Morgan Stanley IM: Panta rei, dal cambiamento del clima d’investimento al cambiamento dirompente

Assoreti, Molesini presidente

L’eleganza ad alta temperatura

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Un carico di obbligazioni con destinazione ITForum

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

Il gestore che non teme il populismo (ma altro) in Italia

Investimenti: il 2022 “ambizioso” di Fca

Investimenti, preparatevi all’inflazione giapponese

Consulenti, un webinar per conoscere i certificati

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

OCF, la soddisfazione delle scf in attesa del 2019

ITForum, ecco il menù degli investimenti

Consulenza fiscale, la nuova era digitale

Mini Futures per grandi investitori

MFS, A caccia di alpha in un mercato complesso

La nuova privacy invade la consulenza

Tutte le sorprese di Fineco all’ITForum

Esma mette la museruola all’high frequency trading

Forbes.it è online

La tecnologia al servizio degli investimenti

Che bello lavorare in Credem

Fondi obbligazionari, tre lustri di delusioni

Ascosim dalla parte del Santo Padre

Fondi, con Fidelity la commissione è variabile

Bim boccia il prezzo dell’opa

A lezione di tesoreria da AcomeA

Anche eToro introduce un wallet per le criptovalute

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

Ti può anche interessare

Prelios vola in borsa, immobili e Npl italiani piacciono ai cinesi

PRELIOS VOLA IN BORSA – Prelios sospesa a Piazza Affari col titolo che segna un teorico +14,83 ...

Doris: Mediolanum, banca delle Pmi

L’a.d. conferma la svolta dalla gestione ai servizi all’impresa. E annuncia che la cassaforte Fi ...

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Da dove potrà giungere la prossima crisi finanziaria? Siamo pronti per affrontarla? ...