Anche i ricchi preferiscono i bond

A
A
A

Il 26% del portafoglio dei grandi investitori sulle obbligazioni corporate e governative

di Giacomo Berdini9 febbraio 2010 | 11:30

Lo studio annuale condotto dall’Ufficio Studi Aipb sulla clientela private ha analizzato le dimensioni del comparto e la composizione dei portafogli, per fare luce sulle potenzialità del mercato e sulle scelte operate dai clienti, in modo da definire un quadro all’interno del quale il settore del Private Insurance inserisce la propria offerta, e capire di conseguenza quali direzioni è più giusto prendere per venire incontro alla domanda, soddisfacendo le richieste del ramo con un’offerta che si muova a 360 gradi.
Innanzitutto il report ha analizzato le percentuali del mercato potenziale italiano, calcolato in relazione alla dimensione della ricchezza totale delle famiglie con un patrimonio finanziario investibile superiore a 500.000 euro. Confrontando questi dati con l’andamento degli asset gestiti da strutture private specializzate, è emerso come la parte del mercato servita dal private banking si aggiri intorno al 40% del totale, e mostri una crescita esponenziale nel corso del tempo nonostante le ripercussioni della crisi. Negli ultimi 3 anni, infatti, la porzione servita dal private è salita dal 40% del 2007 al 43% del 2009, con un trend di incremento destinato ad aumentare nell’arco di quest’anno.
All’interno di questo 43%, la composizione del portafoglio è articolata in prodotti diversificati, che vanno a comporsi essenzialmente in otto categorie. Il comparto dei fondi è quello che risulta tra i meno favoriti dalla clientela private, attirando il 6% della porzione servita. Subito sopra sta l’azionario, a quota 8%. Le obbligazioni corporate catturano il 10%, subito sotto la liquidità che occupa un valore medio dell’11% dei portafogli private italiani.
I titoli di Stato si mantengono forti a quota 15%, e ottengono pari preferenze al 16% le obbligazioni bancarie e le gestioni patrimoniali. Ciò che però risulta più interessante, soprattutto alla luce dell’analisi del mercato potenziale del Private Insurance, è che le famiglie italiane detengono in portafoglio una quota di prodotti assicurativi vita pari al 18%. La nuova produzione di prodotti assicurativi vita italiana è pari a 44,4 miliardi di euro e, all’interno di questa, la sezione dedicata alla clientela private rappresenta il 9,2%, per un valore complessivo di 4,4 miliardi di euro. Di questa quota, l’84% delle polizze vita dedicate alla clientela private è stato distribuito da strutture di private banking.
Il fatto che il mercato offra delle buone potenzialità è confermato inoltre dal fatto che ben il 64% dei clienti intervistati mostri una forte preoccupazione per quanto riguarda la possibilità di perdere il capitale investito, mentre il 32% teme di subire danni al patrimonio familiare.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Professionisti e fisco: la partita Iva è un salasso

A San Valentino regala un conto corrente cointestato

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Esame Albo, occhio alla scadenza romana

Gli hedge fund ora scelgono l’Europa

ConsulenTia18/Orsi (M&G): “Gestire Mifid 2 con le partnership”

ConsulenTia18/Conti Nibali (Ocf): “L’Albo di tutti i consulenti”

Connect 2020, la convention da record di Allianz

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

ConsulenTia18/Bufi (Anasf): “I tre livelli critici di Mifid 2”

ConsulenTia18/Camisa (Schroders): “Investire cavalcando i trend demografici”

Investments on the road: Banca Imi e BFC insieme per i consulenti

BFC, benvenuto Asset Class

Scf e autonomi, i dubbi in attesa di Consob

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

Forex e cfd, sanzione per servizi di trading online abusivi

Criptovalute, fronte compatto contro le truffe

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Ccteu e Btp sono i protagonisti della nuova infornata del Mef

Giri di valzer ai piani alti di Savills IM

Pir, porte aperte al real estate

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Iscrizioni e cancellazioni dall’albo, così le comunicherà Ocf

6 buoni motivi per investire con DEGIRO

Investitori istituzionali non bancari e quotate europee, un’analisi Consob

Consulenti, sospensione cautelare per un professionista pugliese

Cfds, opzioni binarie e speculazione, Esma entra a gamba tesa

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

Consob, 10.000 euro di sanzione per assenza di autorizzazione

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Ti può anche interessare

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

GAM HOLDING E LEGG MASON IN TESTA AL BLUEINDEX – Testa a testa ai vertici della classifica gio ...

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

BORSE EUROPEE AVANTI PIANO – Avvio di giornata positivo per le borse europee, Piazza Affari co ...

Blueindex: finale di ottava a tutto gas per Banco Bpm

BANCO BPM VOLA SUL BLUEINDEX – Chiusura si settimana all’insegna del rimbalzo, grazie anche ...