Moody’s lima i rating delle banche australiane

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi19 giugno 2017 | 12:53

RATING TAGLIATO A 4 BANCHE AUSTRALIANE – Se amate investire in immobili, forse non è il periodo migliore per pensare al mercato australiano. Stamane infatti Moody’s Investors Service ha tagliato il rating a lungo termine delle quattro maggiori banche australiane (Australia & New Zealand Banking Group, Commonwealth Bank of Australia, National Australia Bank e Westpac Banking Corporation) da “Aa2” a “Aa3”, con outlook “stabile” per tutti i quattro istituti.

CRESCONO I RISCHI PER IL MERCATO IMMOBILIARE – La causa di questa riduzione di rating sono proprio i “rischi associati al mercato immobiliare” che secondo gli esperti di Moody’s sono “saliti sensibilmente negli ultimi anni” e sebbene una crisi immobiliare non sia lo scenario più probabile “il rischio rappresentato da un accresciuto indebitamento del settore immobiliare è diventato una preoccupazione concreta in un contesto di rating molto elevati assegnati alle banche australiane”.

L’INDEBITAMENTO PESA TROPPO – I mutui residenziali pesano per oltre il 60% dei prestiti erogati. Recentemente, sotto la pressione delle autorità, le banche hanno autonomamente irrigidito i criteri per l’erogazione di nuovi prestiti, ma la combinazione di prezzi immobiliari in crescita e crescita delle paghe stagnante hanno aumentato il tasso di indebitamento delle famiglie australiane proprietarie di immobili all’89% del reddito disponibile, uno dei livelli più elevati al mondo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Piazza Affari: corre Luxottica, nuovo tonfo dei bancari

Piazza Affari vede gli indici terminare sui livelli di ieri, ma la giornata è stata volatile. Tra i ...

Candriam: gli investimenti sostenibili piacciono sempre più ai cf

Secondo la ricerca di Candriam, i consulenti finanziari italiani sono sempre più sensibili al tema ...

Bank of England non tocca i tassi, per State Street decisione sensata

Anche la Bank of England (come già Bce e Fed) ha preferito mantenere i tassi invariati. Per gli esp ...