Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi28 luglio 2017 | 16:06

WALL STREET TIRA IL FIATO – Wall Street ha il fiato corto oggi e gli indici dopo una lunga corsa sembrano intenzionati a ritracciare nell’ultima seduta della settimana, complice l’ennesimo schiaffo preso dall’Amministrazione Trump al Congresso (col rigetto, al termine di una maratona notturna al Senato, del quindicesimo tentativo di riformare l’Obamacare), numeri trimestrali deludenti per Amazon che portano a nuove vendite sui titoli high-tech e i numeri del Pil Usa che se da un lato confermano la riaccelerazione in corso (+2,6% annualizzato il risultato del secondo semestre secondo la stima “avanzata”) dall’altro mostrano un dato più tiepido del previsto per i primi tre mesi dell’anno (+1,2% il dato annualizzato rivisto).

MALE ANCHE LE BORSE EUROPEE – Se Wall Street tira il fiato, col Dow Jones a -0,15%, l’S&P500 a -0,19% e il Nasdaq a -0,45%, comunque ancora molto vicini ai freschi massimi storici, le borse europee reagiscono anche peggio. Londra cede lo 0,46%, Parigi cade dell’1,16%, Francoforte è in rosso dello 0,26%, mentre Madrid segna -0,66% e a Milano l’indice Ftse Mib arretra dello 0,85%. A preoccupare i mercati europei più che le trimestrali o i dati macro è oggi l’euro, che sale sui massimi da gennaio 2015 contro dollaro portandosi a quota 1,1728 dopo un picco visto stamane di 1,1746.

PESA IL CALO DEL DOLLARO – Da inizio anno, quando l’euro/dollaro oscillava a quota 1,04, la valuta unica europea ha già recuperato un 12%, per le crescenti aspettative di una interruzione, entro fine anno, del programma di quantitative easing della Banca centrale europea. A questo si sono sommate negli ultimi giorni i toni più moderati della Federal Reserve che hanno indotto molti investitori a ritenere che se dall’autunno prenderà il via il programma di graduale riduzione dell’attivo di bilancio (ormai giunto a 4.500 miliardi di dollari dopo tre programmi di quantitative easing nell’ultimo decennio), la banca centrale americana non alzerà per quest’anno i tassi se non, eventualmente, un’ultima volta in dicembre.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Lvmh: preconsuntivo trimestrale batte le attese, il lusso sta riaccelerando

Ti può anche interessare

Forbes Italia, il primo numero in edicola il 24 ottobre

Al via anche il sito Forbesitalia.com e le iniziative Forbes Live ...

Generali cede le attività Vita in Germania? Per gli analisti sarebbe coerente

GENERALI SALE SULLE VOCI DI VENDITE IN GERMANIA – Generali resta sotto i riflettori a metà gi ...

Bce: il QE si avvia verso la fine?

Yves Mersch, membro del board della Bce, ricorda che gli stimoli straordinari non possono durare ind ...