Tokyo chiude luglio in rialzo, soffrono i listini cinesi

A
A
A

Con la chiusura odierna (+0,3%) la borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo dell’1,5% un mese, luglio, che ha visto i listini cinesi perdere il 14% e Hong Kong limitare i danni a -6,27%

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 luglio 2015 | 08:41

LUGLIO DA DIMENTICARE PER I LISTINI CINESI – La borsa di Tokyo ha già terminato il mese di luglio: col guadagno odierno (+0,3%, che porta l’indice Nikkei225 appena sopra i 20.585 yen) il listino giapponese ha terminato il mese con un guadagno dell’1,5%. Ancora perdite per Shanghai (-1,13%) e Shenzen (-0,82%), che chiudono un mese davvero difficile con cali attorno al 14% per entrambi i listini; Hong Kong, infine, chiude la giornata in guadagno dello 0,56%, riducendo a poco più del 6,25% le perdite nel mese.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Qatar isolato dopo attentato londinese

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

Scandalo 1MDB, le autorità di Singapore fanno scattare le prime sospensioni

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Asia: nel 2017 ci si attende un aumento dei fallimenti

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Petrolio troppo a buon mercato, l’Arabia Saudita deve emettere bond

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

Fitch Ratings: paesi sviluppati tornano a frenare, meglio gli emergenti

Fitch Ratings: Brasile in recessione anche quest’anno

Mosca torna a parlare con Kiev dei bond finiti in default

Torna la voglia di mercati emergenti, in Europa brillano Milano e Madrid

G20 di Hangzhou, per Pechino un successo solo a metà

Israele lascia i tassi invariati per il 19esimo mese consecutivo

Axa vuole crescere ancora in Cina

Cala il rendimento del fondo sovrano di Abu Dhabi

Turchia: Goldman Sachs invita alla prudenza

Arabia Saudita valuta lancio emissioni obbligazionarie

Un minuto da panico per i future sulle borse cinesi

Tassi ai minimi storici in Australia

Source: si può tornare a guardare ai mercati cinesi

La Cina frena ancora: Pil primo trimestre 2016 a 6,7% annuo

Petrolio: l’Opec lima stime su domanda e potrebbe tagliare ancora

Ti può anche interessare

IWBank Private Investments presenta la nuova app di trading al Tol Expo 2016

La banca del Gruppo UBI Banca ribadisce l’importanza del trading online all’interno del suo mode ...

Apple segna nuovi massimi storici a Wall Street

APPLE TOCCA NUOVI RECORD STORICI – Tim Cook non sarà mai Steve Jobs, ma da quando il nuovo nu ...

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

IL SETTORE HIGH-TECH E’ ANCORA ATTRAENTE – Il settore high-tech? Resta “piuttosto attraent ...