Tokyo chiude luglio in rialzo, soffrono i listini cinesi

A
A
A

Con la chiusura odierna (+0,3%) la borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo dell’1,5% un mese, luglio, che ha visto i listini cinesi perdere il 14% e Hong Kong limitare i danni a -6,27%

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 luglio 2015 | 08:41

LUGLIO DA DIMENTICARE PER I LISTINI CINESI – La borsa di Tokyo ha già terminato il mese di luglio: col guadagno odierno (+0,3%, che porta l’indice Nikkei225 appena sopra i 20.585 yen) il listino giapponese ha terminato il mese con un guadagno dell’1,5%. Ancora perdite per Shanghai (-1,13%) e Shenzen (-0,82%), che chiudono un mese davvero difficile con cali attorno al 14% per entrambi i listini; Hong Kong, infine, chiude la giornata in guadagno dello 0,56%, riducendo a poco più del 6,25% le perdite nel mese.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Qatar isolato dopo attentato londinese

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

Scandalo 1MDB, le autorità di Singapore fanno scattare le prime sospensioni

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Asia: nel 2017 ci si attende un aumento dei fallimenti

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Petrolio troppo a buon mercato, l’Arabia Saudita deve emettere bond

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

Fitch Ratings: paesi sviluppati tornano a frenare, meglio gli emergenti

Fitch Ratings: Brasile in recessione anche quest’anno

Mosca torna a parlare con Kiev dei bond finiti in default

Torna la voglia di mercati emergenti, in Europa brillano Milano e Madrid

G20 di Hangzhou, per Pechino un successo solo a metà

Israele lascia i tassi invariati per il 19esimo mese consecutivo

Axa vuole crescere ancora in Cina

Cala il rendimento del fondo sovrano di Abu Dhabi

Turchia: Goldman Sachs invita alla prudenza

Arabia Saudita valuta lancio emissioni obbligazionarie

Un minuto da panico per i future sulle borse cinesi

Tassi ai minimi storici in Australia

Source: si può tornare a guardare ai mercati cinesi

La Cina frena ancora: Pil primo trimestre 2016 a 6,7% annuo

Petrolio: l’Opec lima stime su domanda e potrebbe tagliare ancora

Ti può anche interessare

Online Sim, oltre 4mila Pir venduti in tre mesi

La società d'intermediazione mobiliare che fa capo al gruppo Ersel mette a disposizione oltre 30 f ...

Ubi Banca, l’aumento parte col titolo in deciso rialzo

UBI BANCA PARTE IN RIALZO – La settimana si apre in deciso allungo per Ubi Banca, che stamane ...

Intesa Sanpaolo cede il suo 50% di Allfunds Bank per 900 milioni

INTESA SANPAOLO CEDE IL 50% DI ALLFUNDS – Ora è ufficiale: con una nota Intesa Sanpaolo ha an ...