C’è advice e advice

A
A
A

Le due modalità di offerta del servizio previste dalla Mifid 2

Gaetano Megale, Progetica di Gaetano Megale, Progetica14 marzo 2017 | 10:54
Nella consulenza su base indipendente il rapporto è davvero di fiducia

La Mifid 2 autorizzerà i cf a proporre i servizi in una delle due diverse modalità: consulenza su base indipendente e consulenza “ristretta”. Queste tipologie di consulenza si differenziano nel grado di priorità assegnato all’interesse del cliente. Infatti la consulenza su base indipendente implica che il rapporto si ispiri a un vero standard fiduciario per esempio la “fiduciary rule” del DOL USA simile a quello di altri professionisti. Il rapporto fiduciario si basa sul principio etico della professione che dà assoluta priorità all’interesse del cliente, con la formula: “agire secondo il migliore interesse del cliente”. Questo standard necessita della dimostrazione documentale della conformità del servizio a tale principio e comporta costi elevati di compliance e impegni rilevanti sotto il profilo della responsabilità professionale. Diversamente la consulenza ristretta appartiene all’ambito dello standard dell’adeguatezza la “suitability rule” connotato dall’espressione “servire al meglio l’interesse del cliente”. Il rapporto si basa sulla correttezza tecnica delle raccomandazioni consulenziali che devono essere conformi solo alle regole normative. Qui il consulente semplicemente persegue l’interesse del cliente che tuttavia non ha la priorità in quanto egli considera anche l’interesse proprio e dell’intermediario, cercandone un equo bilanciamento. Ciò significa che la proposizione di un prodotto deve essere adeguata alle circostanze del cliente ma non è necessariamente nel suo miglior interesse. La distinzione può essere utile sia al cliente per valutare i tipi di consulenza, sia all’operatore al fine della scelta del proprio posizionamento strategico.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

ConsulenTia18/Orsi (M&G): “Gestire Mifid 2 con le partnership”

Mifid 2, i consulenti chiedono aiuto per gestire il cambiamento

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Mifid 2 e certificati, i CF Webinars ripartono da ConsulenTia

L’era del caos creativo

Le regole e la Zona Grigia

Banco Bpm e Mifid 2, tensioni nella rete tra azienda e sindacati

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Mifid 2, le banche in ritardo nell’applicarla

Mifid 2, più consulenza evoluta e a pagamento

Cf e Mifid 2, cosa cambia nel rapporto con i clienti

Mifid 2, il limbo italiano degli incentivi e della product governance

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Mifid 2, Mossa: “Vincono i professionisti vicini al cliente”

Mifid 2, extra entrate per 3,5 miliardi

Mifid 2, gran confronto tra le reti

Mifid 2, disguidi in partenza per i consulenti delle banche

Mifid 2, i consulenti si aspettano meno profitti

Tutto quello che avreste voluto sapere sui costi di Mifid 2 (ma non avete mai osato chiedere)

Recepimento Mifid 2, facciamo il punto

Mifid 2 parte con un’eccezione sui derivati

Mifid 2, Megale: “Cosa non cambia”

Mifid 2, Foti: “Serve più efficienza”

Mifid 2, Bafunno: “Perché è un passo indietro”

Mifid 2, così aumenterà la trasparenza dei costi

Mifid 2, istruzioni per l’uso

Idd, la Mifid delle polizze slitta a ottobre 2018

Fintech e Mifid 2, così cambierà il settore finanziario

Mifid 2, Invesco rafforza il team legale con Pisanti

Scolari (Ascosim): “Mifid 2, serve più informazione”

Grande successo per ITForum Milano, sfoglia la gallery fotografica

Ti può anche interessare

Investire sull’economia reale è un bene

Immaginare il futuro e realizzarlo. È quanto fanno coloro che costituiscono l’Italia dei talenti, ...

L’era del caos creativo

La normativa Mifid 2 è entrata in vigore e cominciano le prime grane. Poste Italiane si è resa con ...

Definire il rischio è un po’ rischioso

L’Esma, l’autorità europea che vigila sui mercati finanziari, ha definito la product governance ...