Reti, raccolta nel segno dei 5. Fideuram doppia Fineco, IWBank perde nel gestito

A
A
A
di Redazione 9 Settembre 2021 | 11:32

Dopo i risultati positivi di giugno, si consolida il processo di crescita della raccolta netta realizzata dalle Reti di consulenza; i dati rilevati da Assoreti indicano, a luglio, volumi netti mensili pari a 5,5 miliardi di euro (5,2 a giugno), in crescita del 40,4% a/a e del 5,3% m/m. Il bilancio da inizio anno è positivo per 34,2 miliardi di euro, con un aumento del 30,1% rispetto allo stesso periodo del 2020. Nelle scelte di investimento si conferma la preferenza per i prodotti del risparmio gestito; le risorse nette confluite, nel mese, su gestioni collettive, individuali e prodotti assicurativi/previdenziali ammontano a 3,5 miliardi (+27,4% a/a; +2,9% m/m) e rappresentano circa il 65% dei volumi totali. La componente amministrata del portafoglio registra flussi per 1,9 miliardi di euro (+72,4% a/a; +10% m/m), alimentati da volumi di liquidità in crescita (1,7 miliardi). “I dati di luglio, e in particolare la progressiva crescita di risparmiatori (+25 mila unità) che affidano le proprie disponibilità alla consulenza finanziaria, confermano come il clima di fiducia degli italiani verso la professionalità e la competenza dei consulenti finanziari rappresenti un asse portante per la ripresa agli investimenti. E questo lo si vede dai dati del mese, ma soprattutto dalla lettura dei risultati ottenuti da inizio anno. Gli investimenti netti su fondi, gestioni individuali e prodotti assicurativi/previdenziali raggiungono i 24,5 miliardi di euro, un volume d’attività che sostanzialmente equipara in soli sette mesi quanto realizzato nell’intero 2020 (24,2 miliardi)” dichiara Marco Tofanelli, Segretario Generale dell’Associazione.

Risparmio gestito
L’87% delle risorse nette destinate alla componente gestita di portafoglio è confluito su organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr) e prodotti assicurativi con una sostanziale equi-ripartizione tra le due famiglie di prodotto. La distribuzione diretta di quote di fondi comuni determina volumi netti positivi per 1,5 miliardi di euro (+28,6% a/a; +0,7% m/m); si conferma la preferenza per gli Oicr aperti di diritto estero con un orientamento delle scelte di investimento volto a privilegiare le gestioni collettive azionarie (674 milioni) e bilanciate (454 milioni). Il comparto assicurativo registra una crescita del 37,7% a/a (+13,1% m/m) con premi netti superiori a 1,5 miliardi di euro che coinvolgono quasi totalmente unit linked (937 milioni) e polizze multiramo (587 milioni). La raccolta netta realizzata sulle gestioni patrimoniali individuali è positiva per 346 milioni di euro ma in contrazione del 10,6% a/a (-27,3% m/m); gli investimenti netti si concentrano sulle gestioni patrimoniali in fondi (341 milioni). Il contributo mensile delle Reti al sistema degli Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, raggiunge così i 3,4 miliardi di euro; da inizio anno l’apporto sale a 23,4 miliardi di euro. (Al momento non sono disponibili i dati di sistema relativi al mese di luglio.)

Risparmio amministrato
La raccolta netta realizzata sugli strumenti finanziari amministrati è positiva per 275 milioni di euro, valore inferiore rispetto a quanto rilevato a giugno e nel medesimo mese del 2020; i volumi intermediati sul mercato primario risultano pari a 284 milioni. Il bilancio complessivo è positivo per i titoli azionari (412 milioni) e per gli exchange traded product (79 milioni).

Società
A livello societario la migliore performance assuluta del mese è ancora una volta quella di Fideuram, che con i suoi 1,7 miliardi ottiene un risultato che è più del doppio rispetto alla seconda classificata, Fineco ( oltre 817 milioni). Terzo gradino del podio per Mediolanum, che vince un testa a testa con Banca Generali grazie a oltre 696 milioni di apporti (695 nel caso di Banca Generali). Piccola nota a margine è l’unica prestazione negativa nel mese per quel che riguarda la raccolta nel gestito: stiamo parlando di IWBank che, sebbene a livello complessivo sia stata capace di portare a casa afflussi per oltre 145 milioni, sul fronte del gestito segna deflussi pari a oltre 29 milioni di euro (oltre 53 milioni in negativo da inizio anno).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Azimut, shopping nella dermocosmesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X