Carife, i 400 tagli si avvicinano

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 30 Dicembre 2016 | 10:56
Secondo quanto riferisce MF, nel documento presentato ieri ai sindacati è ricomparso l’obbligo a ricorrere alla procedura di licenziamento collettivo se non si raggiunge un sufficiente numero di esodi volontari.

LE TRATTATIVE – Si avvicinano sempre più i 400 esuberi per CariFerrara: secondo quanto riferisce MF – Milano Finanza, nel documento presentato ieri ai sindacati è ricomparso l’obbligo a ricorrere alla procedura di licenziamento collettivo se non si raggiunge un sufficiente numero di esodi volontari. Duro il commento di Lando Sileoni, segretario generale della Fabi: “Vogliamo conoscere in via ufficiale le motivazioni per le quali sembrerebbe che Bankitalia, prima azionista di CariFerrara, abbia scelto come unica e conclusiva soluzione, nelle trattative in corso per il salvataggio della banca, l’applicazione della legge 223 sui licenziamenti collettivi o, in alternativa, la messa in liquidazione della stessa azienda”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Carige, un salvataggio che ricorda quelli varati da Renzi e Gentiloni

Banche “risolte”, c’è tempo fino al 31 maggio per chiedere gli indennizzi

Bper compra Cariferrara

NEWSLETTER
Iscriviti
X