Natixis, ritratto dell’investitore moderno

A
A
A

Un’analisi della casa di gestione mette in evidenza molti errori degli italiani quando vogliono far fruttare i loro risparmi.

Andrea Telara di Andrea Telara29 luglio 2016 | 13:15

“L’investitore moderno non è solo ansioso, è profondamente combattuto”. Parola di David Goodsell, executive director del Durable Portfolio Construction Research Centre di Natixis Global Asset Management, il quale ha ricordato i risultati del sondaggio realizzato nei mesi scorsi dalla sua società su un panel di investitori italiani ed europei, dove emergono i troppi errori compiuti da chi tenta di far fruttare i propri risparmi.

PRUDENTE MA DESIDERSOSO DI RENDIMENTI – La maggioranza dei risparmiatori italiani intervistati, per esempio, si definisce “prudente”. Allo stesso tempo dichiara di aver bisogno di rendimenti medi del 9,9% sopra l’inflazione per raggiungere i propri obiettivi – che nel contesto attuale li esporrebbe a una significativa volatilità. Non molti sembrano tollerare bene il rischio: l’82% degli italiani, infatti, preferirebbe la sicurezza rispetto alla performance. Ciò di cui hanno bisogno, quindi, gli investitori è una migliore educazione sul concetto di rischio e una guida per comprendere quanto ne possono davvero tollerare. Quando si tratta di investimenti passivi o indicizzati, un numero sorprendente di investitori pensa che costi più bassi significhino meno rischi. Sei investitori italiani su dieci , infatti, considerano gli strumenti passivi meno rischiosi e utili a minimizzare le perdite. Ma per loro natura, i fondi passivi non hanno una gestione del rischio. Quando i mercati salgono, generano rendimenti, quando i mercati scendono, subiscono delle perdite. Le strategie passive hanno un chiaro ruolo all’interno dei portafogli – insieme agli investimenti attivi.

POCO FOCUS SUGLI OBIETTIVI – Sette investitori italiani su dieci chiedono di valutare la performance degli investimenti sulla base dei propri obiettivi personali. Ma ciò sembra improbabile se solo il 58% ha obiettivi finanziari ben definiti e se ancora meno, il 33%, ha un chiaro piano finanziario. Il primo passo, quindi, per ogni investitore deve essere definire in maniera chiara obiettivi specifici e lavorare con un consulente finanziario che lo possa aiutare a costruire un piano realistico per poterli raggiungere. Gli italiani sono inoltre consapevoli che la responsabilità per la propria sicurezza finanziaria post-pensionamento si sta spostando sempre più sulle loro spalle. In media, gli investitori italiani dichiarano di aver bisogno del 71%della loro rendita pre-pensionamento per poter vivere una volta andati in pensione. Tale dato si posiziona nella fascia bassa di quel range indentificato tra il 70% e l’80% raccomandato generalmente. I risparmiatori devono considerare l’allungamento della vita e la longevità come il rischio maggiore. Definire quanto risparmiare deve iniziare con un calcolo di quanto vivranno dopo il pensionamento.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gestori in vetrina – Natixis IM

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Natixis, trimestre da incorniciare per il risparmio gestito

I cf italiani preferiscono la gestione attiva

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

Natixis Asset Management cambia nome

Consulenti, il sottile equilibrio tra breve e lungo termine

Natixis, nuovo certificato multi sottostante

Natixis IM: “Così investono i millennial”

Natixis Global Am diventa Natixis Investment Managers

Natixis affila le armi per il 2020

Guez sale in Mirova (Natixis)

Blueindex: il rimbalzo dei finanziari fa volare Natixis, Barclays e Deutsche Bank

SdR 17, Bottillo (Natixis): “Le strategie alternative piacciono ai cf”

Natixis Global Am: gli investitori istituzionali disposti a rischiare di più

Blueindex: Natixis in luce, Banco Bpm in altalena

Blueindex: le minori tensioni sui titoli di stato fanno bene a Banco Bpm

Natixis Global Am: dai risparmiatori italiani aspettative non realistiche

Robo-advisor: per 3 consulenti su 4 sono ok per migliorare l’efficienza

Natixis, il roadshow fa tappa a Catania il 20 ottobre

Natixis amplia il team di marketing con Maurizio Mazzarelli

Blueindex: Bpm sprinta in una giornata senza sorprese

Banca Generali apre le porte a Natixis Global Am

Natixis Global AM: è ora di tornare a guardare ai mercati emergenti?

Blueindex: Natixis corre anche più di Mps

Classifiche Bluerating: Natixis in testa sugli Obbligazionari Area Euro

Natixis: Npl, Atlante non basta

Video intervista, Bottillo (Natixis Gam): “In Italia continuiamo a crescere”

Brexit, Natixis: “Le regole cambieranno drammaticamente”

Natixis GAM rafforza il team con Avonto e Grzunov

Blueindex: Man Group si riprende, stacco cedola per Credit Agricole e Natixis

Ricerca Natixis: investitori italiani confusi, ma pronti a cambiare

Blueindex: Natixis rimbalza, tonfo per Raiffeisen International

Ti può anche interessare

Migrazioni di masse nel risparmio gestito

Tra i gruppi che hanno registrato i maggiori deflussi troviamo Credem, con -3.672 milioni di euro, G ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 3/4/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Fondi, top e flop del 23/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...