Doppietta di nomine per Jupiter AM

A
A
A

Doppio esordio per il Team Fixed Income della società

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti5 settembre 2018 | 13:30

Tempo di nomine in casa Jupiter Asset Management. La società ha infatti annunciato la nomina di due nuovi analisti nel suo Team Fixed Income. Alejandro Di Bernardo e Joel Ojdana sono entrati in Jupiter quest’estate, in un momento in cui la società continua ad espandere le sue competenze sul Fixed Income.
Alejandro Di Bernardo, in arrivo da New York per questo ruolo, ha ricoperto dal 2012 la carica di High Yield and Leveraged Loans Analyst in Deutsche Asset Management. In precedenza, ha lavorato in Citigroup e in Accenture nel Sud America. Alejandro – che vanta la qualifica di CFA Charterholder – ricoprirà nel team il ruolo di Emerging Market Debt Analyst specializzato sull’America Latina. Alejandro svolgerà principalmente un ruolo di supporto per il gestore Alejandro Arevalo per i fondi (SICAV) Jupiter Global Emerging Markets Corporate Bond e Jupiter Global Emerging Markets Short Duration Bond.

Dal 2015, Joel Ojdana ha lavorato come Credit Analyst in Balyasny Asset Management e Seaport, con una precedente esperienza di sette anni nell’investment banking in società quali Mizuho Securities e BNP Paribas. Joel – americano per cittadinanza, ma residente a Londra – lavorerà insieme a Charlie Spelina e con il resto del Team Fixed Income contribuendo a portare idee focalizzate sugli Stati Uniti per la strategia obbligazionaria unconstrained di Jupiter guidata da Ariel Bezalel, Head of Strategy.

Katharine Dryer (nella foto), Head of Investments, Fixed Income e Multi Asset, ha commentato: “La ricerca di fondamentali sul credito è al centro del nostro approccio sul Fixed Income e siamo lieti di poter accogliere nel team due nuovi analisti di così alto profilo. Lo sviluppo di expertise regionali sul credito rappresenta una fase fondamentale proposta da Jupiter per rafforzare ed espandere le competenze che offriamo ai nostri clienti sul Fixed Income”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti e fondi, ecco i top (e i flop) da inizio anno

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gestori in vetrina – Fidelity International

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Fca: mazzata a Goldman Sachs International

Unicredit corteggia i fondi

Assogestioni: a febbraio trionfa Poste. Patrimonio record, ma la raccolta delude

BlackRock, grandi novità in Italia

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Merian Global Investors, nuovo nome per la distribuzione EMEA

Farad a tutta sostenibilità

Il risparmio violato

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Fondi, Ubp: nuova strategia long/short sul credito

Fondi, crolla il patrimonio degli absolute return

Merian, quando investire è una cosa preziosa

Etf, BlackRock: sei nuovi fondi sostenibili

Fondi, licenziamenti nelle case di gestione

JP Morgan AM: otto tappe sotto il tetto tricolore

Neuberger Berman, il “big short” Eisman alla guida di un nuovo fondo

State Street, si rinnova la struttura operativa

JP Morgan AM, una nuova guida per la sostenibilità

Carmignac, il nuovo responsabile è Zoccoletti

Risparmio gestito, un trimestre a secco

Fondi, top e flop dell’8/2/2019

Fondi, top e flop del 5/02/19

Fondi, Top e Flop del 31/1/2019

Fondi, top e flop del 29/01/19

BlackRock, una poltrona per sei

Ti può anche interessare

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Lord (M&G Investments) descrive i punti di forza del fondo M&G Global Corporate Bond ...

Agli italiani piace (un po’ di più) il rischio

Lo rivela un sondaggio commissionato da Franklin Templeton Investments, condotto su oltre 300 inve ...

Asset allocation, tentazione emergente

La crescita degli strumenti indicizzati sul debito degli emergenti ...