Doppietta di nomine per Jupiter AM

A
A
A

Doppio esordio per il Team Fixed Income della società

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti5 settembre 2018 | 13:30

Tempo di nomine in casa Jupiter Asset Management. La società ha infatti annunciato la nomina di due nuovi analisti nel suo Team Fixed Income. Alejandro Di Bernardo e Joel Ojdana sono entrati in Jupiter quest’estate, in un momento in cui la società continua ad espandere le sue competenze sul Fixed Income.
Alejandro Di Bernardo, in arrivo da New York per questo ruolo, ha ricoperto dal 2012 la carica di High Yield and Leveraged Loans Analyst in Deutsche Asset Management. In precedenza, ha lavorato in Citigroup e in Accenture nel Sud America. Alejandro – che vanta la qualifica di CFA Charterholder – ricoprirà nel team il ruolo di Emerging Market Debt Analyst specializzato sull’America Latina. Alejandro svolgerà principalmente un ruolo di supporto per il gestore Alejandro Arevalo per i fondi (SICAV) Jupiter Global Emerging Markets Corporate Bond e Jupiter Global Emerging Markets Short Duration Bond.

Dal 2015, Joel Ojdana ha lavorato come Credit Analyst in Balyasny Asset Management e Seaport, con una precedente esperienza di sette anni nell’investment banking in società quali Mizuho Securities e BNP Paribas. Joel – americano per cittadinanza, ma residente a Londra – lavorerà insieme a Charlie Spelina e con il resto del Team Fixed Income contribuendo a portare idee focalizzate sugli Stati Uniti per la strategia obbligazionaria unconstrained di Jupiter guidata da Ariel Bezalel, Head of Strategy.

Katharine Dryer (nella foto), Head of Investments, Fixed Income e Multi Asset, ha commentato: “La ricerca di fondamentali sul credito è al centro del nostro approccio sul Fixed Income e siamo lieti di poter accogliere nel team due nuovi analisti di così alto profilo. Lo sviluppo di expertise regionali sul credito rappresenta una fase fondamentale proposta da Jupiter per rafforzare ed espandere le competenze che offriamo ai nostri clienti sul Fixed Income”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 18/10/18

Facebook, Zuckerberg sotto attacco dei fondi

Fondi, top e flop del 16/10/18

Quaestio porta a casa un nuovo closing

Notz Stucki, le prime mosse della sgr milanese

Etica, un comparto per ripensare il clima

L’armata dei fondi anti spread

Fondi, top e flop del 03/10/18

Fondi, se il gestore non serve a nulla

Fondi, top e flop del 28/09/18

BlackRock, il fondo a misura di prudenza

Fondi, top e flop del 25/09/18

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Ti può anche interessare

Fidelity e la forza del Dragone

Per Fidelity International i consumi cinesi rimangono una grande opportunità ...

Capital Group: semiconduttori, a fondamento della nuova economia digitale

L’innovazione e l’evoluzione tecnologica hanno creato nuove fonti di domanda per i semicondutto ...

Consob, le commissioni fanno ricche le sgr italiane

Tra i risultati del nuovo Bollettino abbiamo l'importante crescita degli utili delle sgr di diritto ...