Mercati emergenti: Buzzi Unicem fa shopping in Brasile

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Settembre 2018 | 09:34

Buzzi Unicem fa shopping in Brasile

Le incertezze recenti dei mercati emergenti, collegate anche al rischio di guerre commerciali, non frenano Buzzi Unicem che stamane ha annunciato un accordo con Grupo Ricardo Brennand finalizzato all’acquisizione del 50% di Bcpar Sa, controllata da Brennand Cimentos e, a sua volta proprietaria di due cementerie a ciclo completo operanti in Brasile, una nella regione Nord-Est del Paese (stato di Paraiba) e l’altra nel Sud-Est (stato di Minas Gerais).

150 milioni di euro per il 50% di Bcpar

L’accordo prevede che Buzzi Unicem raggiunga il 50% del capitale di Bcpar acquistando tutte le azioni detenute dagli attuali azionisti di minoranza Bndespar e Fip Mplus, oltre ad una parte della partecipazione detenuta da Brennand Cimentos, nonché la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato della stessa Bcpar. Questa prima fase comporta un esborso da parte di Buzzi Unicem di 700 milioni di reais brasiliani (350 milioni per l’acquisto delle azioni e altrettanti per la sottoscrizione dell’aumento di capitale), corrispondenti a circa 150 milioni di euro.

Previste opzioni put e call su restante 50%

Il finanziamento di questa fase iniziale dell’operazione, precisa la nota di Buzzi Unicem, avverrà mediante il ricorso a disponibilità liquide e linee di credito già in essere. Tra Grupo Ricardo Brennand e Buzzi Unicem sarà inoltre stipulato un accordo parasociale contenente le regole di gestione per il controllo congiunto della joint venture Bcpar, sulla base di una partecipazione paritaria al Cda e all’assemblea. Il patto parasociale contiene altresì un’opzione Put (esercitabile a partire dal 1 gennaio 2023) ed un’opzione Call (esercitabile a partire dal 1 gennaio 2025) sulla residua partecipazione di Brennand Cimentos.

Buzzi Unicem potrà salire al 100% entro il 2026

Se esercitate le opzioni determineranno l’acquisizione da parte di Buzzi Unicem del restante 50% di Bcpar ad un prezzo di esercizio che sarà determinato in funzione dell’Ebitda medio consolidato conseguito da Bcparnei tre anni precedenti l’esercizio dell’opzione, tenuto conto della posizione finanziaria netta. Il prezzo di esercizio minimo sarà pari a 250 milioni di dollari, a cui dovrà essere aggiunta o detratta la corrispondente porzione (50%) della posizione finanziaria netta al momento dell’acquisto. Il completamento dell’acquisizione del 100%, in caso di esercizio delle opzioni, avverrà entro il 2026.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute: in Brasile il Parlamento discute sulla regolamentazione

Ex banchiere Bsi condannato in Brasile per riciclaggio di 2,7 mln di dollari

Top 10 Bluerating: in Brasile regna il passivo

NEWSLETTER
Iscriviti
X