Investimenti: l’outlook di Nordea AM per il secondo semestre

A
A
A
di Redazione 28 Giugno 2022 | 16:01

L’economia globale sta rallentando e molto di questo è scontato, ma le prospettive economiche rimangono incerte. Gli analisti prevedono tutto tra atterraggi morbidi e recessioni. “Un tale mondo di mercati dislocati e alta incertezza offre vantaggi tattici e strategici, in particolare per forze secolari come ESG”. Fa notare in questo contesto Sebastien Galy, Senior Macro Strategist di Nordea AM, che di seguito illustra l’outlook per il secondo semestre 2022.

Prospettive economiche

Mentre l’economia globale rallenta e le banche centrali inaspriscono la politica monetaria, l’inflazione dovrebbe iniziare a diminuire lentamente. Tuttavia, ci sono alcuni fattori dal lato dell’offerta che potrebbero mantenere l’inflazione sotto pressione. Questi includono, tra gli altri, i limiti delle attuali catene di approvvigionamento, il persistere o il riemergere dei lockdown dovuti al Covid-19, il rallentamento del mercato immobiliare e le ritorsioni russe (embargo sul gas naturale, con fornitura già in rallentamento).

L’economia europea sta subendo gli effetti negativi di un’inflazione molto elevata sui consumi e sul sentiment: resta ancora il dubbio se la crescita rallenterà solo al 2,6% quest’anno e al 2% l’anno prossimo. I prezzi dell’energia potrebbero ancora aumentare a causa dell’offerta limitata, ma dato il rallentamento economico, i prezzi dovrebbero stabilizzarsi a livelli più bassi regalando un certo sollievo. Ad esempio, le pressioni sulla catena di approvvigionamento attualmente osservate nei porti della Germania settentrionale dovrebbero allentarsi nel tempo portando sollievo. Di conseguenza, è più probabile che la crescita degli utili aziendali deluderà i livelli attesi, mentre gli investitori assumeranno un approccio più paziente concentrandosi sempre di più su un percorso di crescita moderato a lungo termine.

L’economia USA dovrebbe iniziare a decelerare accompagnata dalla diminuzione dei risparmi privati e dall’aumento dei prestiti nonostante le azioni della Fed. D’altra parte, l’inflazione dovrebbe iniziare a diminuire favorendo il reddito reale e i consumi. Sebbene sia difficile prevedere l’inflazione e la crescita in un mercato del lavoro rovente, a causa della non linearità e della mancanza di esempi storici, ci troviamo tra diversi scenari economici che vanno da una crescita decente alla stagflazione o una recessione nel 2023 che porta alla volatilità del mercato azionario.

L’economia cinese sta rapidamente rallentando sulla scia di una politica correlata al Covid-19 e di una crisi immobiliare. Mentre l’impatto dei lockdown dovrebbe svanire e le misure dovrebbero aiutare, l’impatto del mercato immobiliare su un’economia fortemente indebitata suggerisce tempi difficili all’orizzonte.

Prospettive dei mercati

Le grandi aziende tecnologiche tendono a prezzare una crescita economica e un’innovazione a lungo termine che sono attualmente messe in discussione. Di contro, una combinazione di stili value e growth appare molto più realistica (ad es. Coca-Cola, Air Liquide). La tecnologia cinese è interessante soprattutto sotto la pressione del cambiamento climatico poiché il paese è il principale produttore in molti segmenti di innovazione tecnologica “green”. Mentre si attenuano i timori di un rapido rallentamento economico globale, rileviamo opportunità tra i gap di valutazione di alcuni titoli del settore tecnologico.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti