Aziende temono incremento dei ritardi nei pagamenti

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Giugno 2019 | 16:30

Aziende temono aumento ritardi nei pagamenti

Credevate che il problema dei pagamenti in ritardo fosse tipicamente italiano e magari riguardasse solo la sfera dei rapporti tra aziende private e pubblica amministrazione? Disilludetevi subito. Secondo i dati di Atradius, società di assicurazione del credito a livello globale attiva anche nel ramo cauzioni e recupero crediti in oltre 50 paesi al mondo, il 33% dei fornitori intervistati negli Stati Uniti, il 34% in Canada e il 40% in Messico prevedono un aumento del numero di aziende clienti che rallenteranno le tempistiche di pagamento fino ad oltre 90 giorni dalla scadenza della fattura.

Usa, Canada e Messico: il quadro peggiora

Il che, naturalmente, comporterà problemi nella gestione del flusso di cassa e nei tempi medi d’incasso delle fatture. Negli Usa in particolare un maggiore frequenza di ritardi nei pagamenti interesserà il settore dei metalli (secondo l’opinione dell’83% delle aziende intervistate nel settore), quello delle costruzioni (40% degli intervistati) e dell’Information Technology (33%). Nel settore delle costruzioni canadese, un incremento dei ritardi di pagamento riguarderà 3 aziende su 5 tra quelle attive. In Messico, il 64% dei fornitori intervistati nel settore dei macchinari e il 54% nei settori dei beni di consumo durevoli e nelle costruzioni, prevedono un aumento dei tempi d’incasso delle fatture scadute.

Peggioramento dopo 10 anni di miglioramenti continui

I dati emergono dall’ultimo Barometro Atradius sui comportamenti di pagamento tra aziende nella regione Americhe commentando il quale David Huey, direttore regionale di Atradius per gli Stati Uniti, Canada e Messico, nota: “Dopo dieci anni consecutivi di diminuzione delle insolvenze, si prevede per i prossimi mesi un aumento dei ritardi dei pagamenti in Nord America. Tale fenomeno indica una chiara inversione di tendenza rispetto allo scorso anno. È principalmente dovuto alle politiche commerciali del governo che cambiano in modo regolare, e al rallentamento dell’economia globale”.

Inversione di trend impatterà su commercio globale

Questi due fattori, oltre a lanciare una nuvola nera sulle previsioni di insolvenza, stanno mettendo a dura prova il commercio globale. Una situazione che espone maggiormente le aziende nordamericane al rischio di mancato pagamento da parte dei loro clienti “B2B”. Massimo Mancini, Country manager di Atradius per l’Italia, aggiunge: “L’aumento dei ritardi di pagamento previsto nelle principali economie del Nord America e le criticità relative ai tempi d’incasso delle fatture delle aziende attive in questi paesi”, fa riflettere sull’importanza di proteggere le attività commerciali dall’insolvenza dei debitori per far crescere il proprio business in sicurezza.

Aziende proteggono maggiormente flussi di cassa

Le aziende intervistate da Atradius, temendo un rallentamento dei tempi di pagamento da parte dei clienti ed un peggioramento delle previsioni economiche, hanno programmato di intensificare le misure di protezione del proprio flusso di cassa. Il 38% degli intervistati in Messico, il 35% negli Stati Uniti e il 30% in Canada hanno intenzione di intensificare la frequenza dei controlli sull’affidabilità creditizia degli acquirenti, prima di offrire condizioni di credito. Il 33% degli intervistati canadesi, il 28% negli Stati Uniti e il 18% in Messico prevedono di aumentare le riserve di cassa per i crediti inesigibili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Lockdown e sviluppo del vaccino determineranno la durata della recessione

Coronavirus, Atradius: accelera la crescita delle insolvenze aziendali

Economie emergenti, Atradius: ecco mercati e settori più promettenti nel 2020

NEWSLETTER
Iscriviti
X