Tre titoli value in un mercato surriscaldato

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 26 Giugno 2017 | 16:00

A cura di TrendOnline

Il gruppo di The Motley Fool ha chiesto a tre dei suoi contributori di segnalare ai lettori titoli per investitori orientati al valore. Con una premessa: in un mercato “surriscaldato” come quello attuale, la prima opzione da tenere a mente per trovare valore sono le società con business solidi che abbiano subìto per qualche motivo una temporanea battuta d’arresto. Ecco i nomi scelti.

Apre la rassegna il colosso dell’abbigliamento sportivo Nike, che come tutti i titoli con un’esposizione ai consumi USA ha pagato gli effetti del rallentamento delle vendite retail nel Nord America. I timori degli investitori verso il settore grande distribuzione sono più che giustificati dalla recente ondata di chiusure, spiega Brian Feroldi, ma bisognerebbe giudicare caso per caso e i risultati di Nike mostrano che si tratta di un caso a parte. Nell’ultimo trimestre, la società ha riportato una crescita del 5% dei ricavi e un balzo del 24% dei profitti, reso possibile tra l’altro da importanti misure di riduzione dei costi. Se si guarda poi al futuro, sembrano destinati a produrre buoni risultati i forti investimenti del gruppo per sviluppare la sua offerta direct-to-consumer e il suo impegno per espandersi nel mercato cinese ed europeo, che hanno ancora entrambi un buon potenziale di crescitainiziative che possono permettere a Nike di mantenere inalterate le sue tradizionali politiche in tema di riacquisto di azioni proprie e crescita del dividendo.

Demitri Kalogeropoulos suggerisce invece di acquistare le azioni del produttore di apparecchi GPS Garmin, che nonostante abbiano guadagnato circa il 20% nell’ultimo anno presentano una valutazione interessante scambiando circa 15 volte l’utile. Certo, precisa Kalogeropulos, le attività della sua divisione automotive sono sempre più minacciate da smartphone e sistemi integrati nelle vetture (e non per nulla quest’area ha registrato un -19% nell’ultimo trimestre). Ma il business di Garmin non si limita alle automobili: nautica e aviazione stanno registrando solidi tassi di crescita e il gruppo ha inoltre un significativo portafoglio di prodotti nel mercato dei dispositivi indossabili per il fitness. E qui, a differenza dei rivali di FitBit, riesce ad essere fortemente profittevole (margini lordi al 56% nell’ultimi trimestre).

Per Rich Duprey infine è da comprare Dollar General, uno dei retailer più immuni all’ “effetto Amazon” che sta sconvolgendo il settore. Con i suoi oltre 13 mila store, spiega Duprey, il gruppo si è specializzato nella vendita di prodotti a bassissimo prezzo che non sono generalmente disponibili o reddittizi su internet: oltre l’80% dei suoi prodotti costano meno di 5 dollari, e il 77% delle sue vendite riguarda oggetti di rapido consumo che è più comodo comprare fermandosi negli onnipresenti negozi fisici della catena. Nell’ultimo trimestre le vendite nette di Dollar sono cresciute del 6,5% e qualche analista ha anche azzardato che la società possa diventare oggetto delle attenzioni della società di Bezos.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi degli analisti da Eni a Telecom

Investimenti, e-commerce: un segmento growth ancora di valore

Mercati, Erg entra nell’S&P Global Clean Energy Index

NEWSLETTER
Iscriviti
X