Elezioni Germania, mercati stabili finché Merkel avanza

A
A
A
di Finanza Operativa 20 Settembre 2017 | 10:30

A cura di Nadège Dufossé, Head of Asset Allocation di Candriam Investors Group
Le elezioni generali tedesche in programma per il 24 settembre non dovrebbero modificare in maniera significativa lo scenario del continente dal momento che i risultati potrebbero confermare la situazione attuale. Le diverse opzioni di coalizione assisteranno a un impatto positivo, sebbene limitato, a livello macro in seguito agli sgravi fiscali attesi. La buona notizia per il continente è che l’agenda europea dovrebbe andare avanti nel corso dei prossimi quattro anni.
È probabile che Angela Merkel rimarrà al governo per altri quattro anni. I sondaggi attuali indicano che la Cancelliera ha consolidato la sua avanzata e che probabilmente i Cristiani Democratici resteranno la principale forza politica in Germania. Ad ogni modo, poiché i partiti a entrare nel Bundestag saranno con buona probabilità sei (e non quattro come nel 2013), Merkel si vedrà costretta a formare una coalizione per avere la maggioranza in Parlamento. A due settimane dagli scrutini, gli scenari più probabili sono due: il proseguimento dell’attuale “Grande coalizione” con l’SPD oppure la formazione di una nuova alleanza con i liberali di FDP e i Verdi.
In ogni caso, tutti i principali partiti propongono un’agenda pro europeista e uno sgravio delle imposte sul reddito, alla luce anche dell’avanzo di bilancio tedesco. Le trattative per la coalizione che seguiranno le elezioni potranno protrarsi per svariate settimane rivelando la necessità di un compromesso per la sua attuazione.
In conclusione, ci aspettiamo un passo avanti nell’agenda europea che comprenda una politica di difesa comune, la creazione di un Fondo Monetario Europeo e la possibile istituzione di un Ministro delle Finanze Europeo, oltre a una linea dura nei negoziati per la Brexit.
In un orizzonte di breve termine, l’impatto sui mercati dovrebbe essere limitato, mentre nel lungo periodo l’esito dovrebbe essere favorevole. A differenza dei sondaggi che negli ultimi dodici mesi hanno riguardato gli altri maggiori Paesi, in Germania nessuno dei principali partiti ha in programma un’uscita dall’UE, tagli alla spesa del servizio sanitario o una costruzione di un muro divisorio con i paesi confinanti. In breve, queste elezioni non dovrebbero rappresentare un rischio politico. In un’ottica di medio periodo, ciò giocherà a favore degli asset europei, incluso l’Euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex, l’Euro rialza la testa in scia al meeting Merkel-Macron

Germania, il volto mutevole della politica: reazione mercato ottimista, ma restano le preoccupazioni

La vittoria della Merkel non cambia la view sulle Borse

NEWSLETTER
Iscriviti
X