Guerre commerciali, un’alternativa alla soia americana per la Cina

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Luglio 2018 | 17:30

A cura di Raiffeisen Capital Management

Finora, la retorica del presidente Trump è stata ben accolta dall’elettorato USA, soprattutto perché gli effetti negativi sull’economia degli USA finora sono stati pochi o soltanto molto limitati. Almeno fino alle elezioni di novembre, dunque, il presidente USA dovrebbe essere poco intenzionato a cambiare rotta.
La Cina, a sua volta, non ha alcun incentivo per cedere, tanto più che le misure USA mirano apertamente a ostacolare il suo sviluppo economico. E potrebbe persino ricevere un sostegno indiretto dall’UE, la quale è, a sua volta, nel mirino dei dazi punitivi statunitensi.

In linea di principio, i dazi punitivi, i divieti di importazione e simili continuano a essere considerate misure che devono finire al più presto e che (presumibilmente) causano pochi danni irreversibili. Questo riduce il margine per farne uso, anche se solo come gesto minaccioso “in realtà solo temporaneo”.
Nel caso che coinvolge Stati Uniti e Cina si aggiunge il fatto che il governo statunitense presume che la Cina stia esaurendo già adesso i mezzi per sopperire alla mancanza di relative importazioni dagli USA. Probabilmente, il presidente Trump crede, anche per questo, che la guerra commerciale sia facile e veloce da vincere.

Naturalmente, questo potrebbe rivelarsi anche un errore di calcolo. Ad esempio, la Cina attualmente non ha modo di acquistare altrove i quantitativi di soia che importa dagli Stati Uniti. Ma paesi come l’Argentina, il Brasile e sempre più la Russia si stanno già facendo avanti per cogliere questa opportunità. È abbastanza probabile che la Cina sarà in grado di trovare un’alternativa sufficiente molto più velocemente di quanto non si pensi al momento e i produttori di soia USA saranno tra i grandi perdenti permanenti, se il conflitto continuerà per anni. Quindi, come sempre nelle guerre commerciali, ci saranno alcuni vincitori e molti perdenti, e molti probabilmente in paesi che non sono direttamente coinvolti nel conflitto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, Cina: le conseguenze del giro di vite normativo

Investimenti: quanti bond dalla Cina

Investimenti, Cina: ecco i problemi che Pechino deve fronteggiare

NEWSLETTER
Iscriviti
X