Dividendi in crescita per le banche Usa

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Agosto 2018 | 15:00

A cura di Marco Caprotti, Morningstar
In apparenza il lavoro di una banca appare semplice. L’istituto prende denaro, lo presta a un tasso stabilito e incassa gli interessi. Dal punto di vista dei dividendi delle banche Usa sembra una facile fonte per finanziare le cedole. “Questo rubinetto, tuttavia, non è il solo elemento da considerare”, spiega Michael Hodel, portfolio manager di Morningstar Investment Management. “Ci sono da prendere in esame gli spread del credito, il rapporto fra equity e asset, l’efficienza patrimonale e la percentuale di debiti incagliati o inesigibili detenuti dalla banca”.
Arriva la crisi
Tutto, comunque, sembrava funzionare bene fino a un decennio fa. Poi è arrivata la crisi finanziaria che ha costretto molti istituti a ridurre o a eliminare del tutto il payout versato agli investitori. “La decisione di tagliare o cancellare il dividendo è stata inevitabile”, dice Hodel. “A questo si sono uniti una serie di regolamenti tesi a rafforzare le fondamenta patrimoniali delle banche che hanno spinto verso un’ulteriore stretta sulle cedole per permettere agli istituti di avere più soldi in cassa”.
Passata la buriana gli istituti di credito hanno ricominciato a versare dividendi, anche se il livello è rimasto più basso rispetto al periodo prima della crisi. Ma le cose sono sul punto di cambiare. “Negli Stati Uniti, per legge, le banche per staccare il dividendo hanno bisogno del permesso della Federal Reserve”, dice Hodel. “Per qusto motivo è facile sapere qule sarà la cedola versata da ogni singolo istituto. In base ai dati più recenti i dividendi della banche Usa danno un rendimento superore al 3%. L’analisi nel dettaglio mostra che gli istututi di credito verseranno per le cedole meno del 30% degli utili. Questo, almeno dal punto di vista teorico, lascia spazione per un aumento delle cedole in futuro”.
Andrà veramente così? “Le condizioni ci sono tutte”, risponde Hodel. “Però bisogna tenere conto che una parte degli utili probabilmete verrà utilizzata per operazioni di buyback. Per questo gli istituti dovranno decidere come intendono allocare il denaro”.
Dal punto di vista operativo, la scelta dei titoli sui quali investire va fatta con una certa attenzione. “Il settore bancario è altamente competitivo e gli istituti di credito non hanno grossi margini di manovra a causa dei numerosi elemnti normativi con i quali hanno a che fare”, spiega Hodel. “Tutto questo rende difficile trovare un Economic moat Ampio fra gli istituti di credito. Questo però non significa che non siano in grado di crearlo. I costi di switch, ad esempio, sono una leva importante visto che molti clienti non amano intraprendere le pratiche per cambiare istituto. Altri elementi che possono fare la differenza in termini di moat sono il controllo dei costi e le economie di scala”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche Usa, in arrivo tesoro da 2mld ai soci

Banche Ue-Usa, la superlega delle top 15: utili come la sola JpMorgan

Usa, le banche autorizzate ufficialmente a utilizzare le stablecoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X