Si rafforza il dollaro Usa, crolla quello australiano

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Agosto 2018 | 13:15

A cura di XTB
Il dollaro americano sta riguadagnando il suo potere questa mattina alimentato da un effetto tardivo dei verbali del FOMC pubblicati mercoledì. In generale, i verbali del FOMC non hanno offerto troppi nuovi segnali riguardo alla futura politica monetaria, tuttavia sono stati detti alcuni punti interessanti. Ovviamente, la maggioranza dei membri ha concordato di aspettarsi ulteriori aumenti graduali dei tassi (a nostro avviso la Federal Reserve produrrà altri due rialzi dei tassi – settembre e dicembre – e entrambe le mosse sono state già scontate in modo considerevole).
Oltre a ciò, la Fed ha discusso l’appiattimento della curva dei rendimenti in corso, anche se non sono stati forniti dettagli in questo contesto. È interessante notare che molti partecipanti hanno notato che sarebbe probabilmente appropriato, in un “futuro non troppo lontano”, non riferirsi più a posizioni di politica monetaria come accomodanti. Sul lato colomba, la maggior parte dei partecipanti ha condiviso la stessa opinione che i disaccordi commerciali in corso e le misure commerciali proposte sono importanti rischi al ribasso per l’economia.
Inoltre, i funzionari hanno espresso pareri piuttosto contraddittori in merito alla politica fiscale in quanto il primo gruppo di membri sembrava essere piuttosto miope affermando che ha generato un rialzo e un rischio al rialzo per le prospettive economiche, mentre il secondo gruppo si è concentrato sullo scenario a lungo termine sottolineando un rischio al ribasso per l’economia.

Dopo che l’EURUSD ha quasi raggiunto quota 1.1630, ha registrato un’inversione sostanziale. Bulls può cercare qualsiasi livello di supporto nelle vicinanze 1.1520, ma avendo i rischi commerciali sul tavolo è altamente probabile che il dollaro USA potrebbe essere in un’offerta nel prossimo futuro. Fonte: xStation5
 
Anche se il dollaro USA ha perso slancio in una mossa istintiva dopo il rilascio dei minuti, è riuscito a recuperare in seguito. Tra le ragioni della sovraperformance dell’USD potremmo individuare possibili tensioni commerciali rinnovate mentre un nuovo round di tariffe statunitensi (il tasso del 25%) su $ 16 miliardi di beni importati cinesi ha preso il via giovedì. Questa è ovviamente una mossa che potrebbe spingere Pechino a vendicarsi con la stessa quantità di doveri. Per quanto riguarda la probabilità di futuri aumenti dei tassi negli Stati Uniti, gli operatori di mercato – basati su Fed Funds Futures – assegnano più del 90% per una mossa nel mese successivo e quasi il 60% per vedere la seconda mossa fino a dicembre. Si noti che la curva dei rendimenti USA si è appiattita dalla pubblicazione dei minuti e di conseguenza lo spread 2Y10Y è passato da 24 a 22 punti base. L’indice del dollaro USA sta guadagnando quasi lo 0,3% a partire dalle 6:59 am BST, con il guadagno più impressionante contro il dollaro australiano che è assediato dalle turbolenze politiche.

La scena politica australiana ha subito sconvolgimenti negli ultimi anni rispetto alla Nuova Zelanda e al Canada. Fonte: Bloomberg
 
Il dollaro australiano è di gran lunga il peggior risultato di questa mattina. Deriva dal fatto che i successivi tre ministri si sono dimessi dai loro incarichi, compreso il ministro delle finanze di alto profilo Mathias Cormann, lasciando la posizione di PM Turnbull difficile da mantenere. Notate che Turnbull ha detto giovedì che avrebbe avuto solo un voto di leadership se avesse ricevuto una petizione firmata che provasse che la maggioranza del suo partito non lo sosteneva più. La petizione è già arrivata, ma il premier australiano ha dichiarato che terrà una riunione a mezzogiorno del venerdì per decidere sulla sua leadership. Turnbull ha detto che il suo maggiore sfidante, Peter Dutton, ex ministro degli Interni, potrebbe non essere nemmeno eleggibile per sedersi in parlamento, dopo che i media locali hanno riferito che potrebbe aver violato le restrizioni costituzionali su questi investimenti aziendali familiari. Ricordiamo che il primo ministro in carica ha già vinto il voto di comando all’inizio di questa settimana, ma Dutton non sembra arrendersi. Dopo che i ministri successivi si sono dimessi, le possibilità di Dutton di superare Turnbull potrebbero essere aumentate. Come risultato del caos politico, Turnbull ha deciso di sospendere il governo fino al 10 settembre per cercare di risolvere la crisi. Il dollaro australiano sta perdendo oltre lo 0,7% a partire dalle 7:17 del BST, anche se il mercato obbligazionario non sembra essere eccessivamente preoccupato per la crisi, visto che il rendimento a 10 anni si attesta al 2,53% questa mattina in calo di appena 1 punto base.
 

Il dollaro australiano è crollato durante la notte per le turbolenze politiche e anche la forza complessiva del dollaro USA alimentata da nuove tensioni commerciali. Tecnicamente la coppia potrebbe vedere un rimbalzo a breve termine dopo aver testato 0,7285. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti