Tesla: rendimento obiettivo 12,7%

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 18 Dicembre 2018 | 19:00

A cura di WeOptions
Mentre il NASDAQ Composite Index ha azzerato i guadagni dell’anno negli ultimi due mesi, TESLA (in blu), ha innescato una fase rialzista in controtendenza e sta testando i massimi.

I prezzi sono saliti a 365 $ portandosi sopra il livello del target price medio degli analisti a quota 333.16 $, grazie anche all’incremento delle raccomandazioni “Buy”. Mediamente il rating rimane tuttavia ad “Hold” (FactSet Research Systems Inc)

Ogni ritracciamento da questi livelli può essere utile per entrare con strumenti che proteggono e si prefiggono il raggiungimento di un rendimento a doppia cifra. Tra tutti i certificates disponibili con sottostante Tesla abbiamo individuato il seguente:
SOTTOSTANTE: TESLA
EMITTENTE: BANCA IMI
CODICE ISIN:  IT0005311946
Le caratteristiche per cui reputiamo interessante lo strumento sono: la scadenza relativamente vicina ( Data di valutazione finale il 7.11.2019). La Barriera europea che verrà osservata esclusivamente in corrispondenza della scadenza e l’ “opzione Quanto” che consente all’emittente di stabilire, per convenzione, una quotazione in Euro  proteggendo l’investitore dal rischio di movimenti sfavorevoli del tasso di cambio tra $ e €.
Trattasi di un Double Bonus Cap che, dopo aver concesso una cedola del 9% a un mese dell’emissione avvenuta il 10.11.2017 (Importo Digital di 9 euro per ogni certificato detenuto) annoverandosi per questo tra gli strumenti efficienti per il recupero delle minusvalenze (per intenderci non è tra quelli che fanno normalmente pagare il 5% di commissioni implicite per rinnovare di 4 anni le minus nello zainetto fiscale), consentirà di fare il bis il 7.11.2019 con un coupon finale del 9% a condizione che Tesla non quoti sotto il livello strike di 302,99 $. In sostanza verrà rimborsato a 109 euro se Tesla varrà almeno il valore di riferimento iniziale; considerato che il certificate si compra a circa 97 euro, si può ambire ad un rendimento massimo del 12,3% in 11 mesi circa. Nel caso il Tesla si troverà tra il valore iniziale e la barriera di protezione del K posizionata a quota 212,09 $, il certificate verrà rimborsato a 100 euro (+2,7%). Se, alla data di rilevazione finale, il sottostante sarà invece crollato sotto il livello barriera, con un ribasso di circa il 42%  da prezzi attuali si subirà una decurtazione del capitale: l’ammontare del rimborso sarà commisurato alla performance negativa del sottostante. Considerata la volatilità del momento e i valori di massimo relativo raggiunti dal titolo, si possono anche attendere livelli di prezzo più favorevoli, prima di effettuare l’acquisto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, moda e lusso si rifanno il trucco. Il certificato per approfitarne

Exane Derivatives lancia il primo indice Esg cattolico nel fixed income

Da Cirdan un nuovo certificato su paniere di azioni “Stay at home”

NEWSLETTER
Iscriviti
X