Seif, sui conti pesa il calo delle vendite della carta stampata

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 28 Gennaio 2020 | 10:00

A cura di Market Insight

Società Editoriale il Fatto (Seif), quotata all’Aim dallo scorso 14 marzo e su Euronext Growth dal 18 luglio, ha chiuso il primo semestre 2019 con una diminuzione delle vendite (-7,3% a 13 milioni), risentendo del calo dall’attività editoriale, e una perdita operativa a 1,1 milioni e finale a 0,9 milioni. I 2,9 milioni introitati con l’Ipo serviranno alla società per proseguire nello sviluppo delle proprie attività. Inoltre, ha commentato Cinzia Monteverdi, Presidente e Ad della società,  “ci auguriamo che il Dual Listing possa attrarre nuovi investitori stranieri, proprio per finanziare la produzione di contenuti televisivi di carattere internazionale e ampliare ulteriormente il nostro campo di distribuzione”.

Il modello di business

SEIF – Società Editoriale il Fatto, nata nel 2009, è un editore multimediale italiano indipendente. Nel corso degli ultimi anni si è trasformata da casa editrice di un quotidiano cartaceo a media company con un’impronta digitale e data driven, specializzata anche nella produzione televisiva.

La società capitolina è attiva sul mercato attraverso due linee di business:

  • Publishing, composta dal quotidiano cartaceo e digitale «Il Fatto Quotidiano», il sito di news ilfattoquotidiano.it, dal mensile FQ Millennium (nato nel 2017) e dalla casa editrice Paper First, nata nel 2016.
  • Media Content, dedicata alla produzione di contenuti televisivi (Loft Produzioni), produzione spettacoli e organizzazione eventi.

Gli ultimi avvenimenti

Il 2019 è stato un anno impegnativo per la società che ha portato a termine, in primis, la quotazione sul listino Aim di Borsa Italiana, avvenuta lo scorso 14 marzo, che ha consentito di introitare 2,9 milioni di mezzi freschi, per poi sbarcare su Euronext Growth di Parigi il 18 luglio.

Con i proventi raccolti la società intende proseguire il piano di crescita avviato, che prevede uno sviluppo in chiave digitale e data driven e una diversificazione del portafoglio di prodotti, con particolare attenzione alla produzione televisiva e allo sviluppo di Loft, piattaforma di contenuti per la Web Tv.

In occasione dell’esordio sul mercato Euronext Growth, Cinzia Monteverdi, Presidente e Ad della società, ha commentato: “Ci auguriamo che il Dual Listing su Euronext Growth possa attrarre nuovi investitori stranieri, proprio per finanziare la produzione di contenuti televisivi di carattere internazionale e ampliare ulteriormente il nostro campo di distribuzione”.

Un esempio di trasformazione da società editoriale tradizionale a media company è rappresentato dalla collaborazione con Discovery Italia avviata nel 2017 e successivamente intensificatasi, soprattutto attraverso Loft Produzioni.

Collaborazione confermata con il debutto, dello scorso 20 gennaio, di “Sono le Venti” di Peter Gomez, il nuovo programma di approfondimento, seguito nella serata da 230 mila spettatori (+18% rispetto alla media dei programmi in onda sul Nove nella stessa fascia oraria).

 

Per continuare a leggere clicca qui.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azioni: per Beghelli opportunità dal business della sanificazione dell’aria

Obbligazioni: si guarda al “Futura”

Azioni Aim, KI Group: il rilancio passa dalla riorganizzazione. L’analisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X