Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

A
A
A
di Luca Spoldi 10 Marzo 2017 | 13:05

BREXIT COSTERA’ CARA ALLA GRAN BRETAGNA– La Brexit rischia di costare molto cara alla Gran Bretagna, come sta scoprendo in questi giorni il premier Theresa May (personalmente dichiaratasi contraria all’epoca del referendum sull’uscita dalla Ue, ma impegnata a rispettare l’esito del voto popolare del giugno scorso) nel corso della riunione dell’Eurogruppo a Bruxelles cui la May ha preso parte solo il primo giorno, lasciando oggi ai partner europei la prosecuzione della riunione e l’approntamento di un documento condiviso.

UE UNITA NELLA GESTIONE DELLA SEPARAZIONE – Dalla Germania sono infatti giunte rassicurazioni sul fatto che le trattative che inizieranno una volta che il premier britannico avrà ufficialmente chiesto l’attivazione dell’Articolo 50 dei trattati comunitari e che al termine di due anni sanciranno come la Gran Bretagna uscirà dalla Ue, saranno condotte in forma unitaria senza alcun colloquio bilaterale da parte di singoli paesi e la stessa cosa accadrà dopo l’uscita di Londra dall’unione. La Danimarca da parte sua ha sottolineato come potrebbero occorre dai 2 ai 15 anni per riuscire a stabilire un nuovo accordo commerciale che eviti l’introduzione automatica di tasse all’importazione di merci e servizi inglesi in Europa e il ricorso al Wto per ogni controversia commerciale.

NESSUN POLITICO PARLA DEI COSTI – La stessa Irlanda, solitamente alleata della Gran Bretagna, si è detta d’accordo con gli altri partner europei sul far pagare a Londra una tassa d’uscita. Per ora il leader britannico cerca di non far trapelare alcuna esitazione e continuando a fare dichiarazioni retoriche sulla sua intenzione di costruire quella Gran Bretagna “indipendente e auto governata che il popolo britannico ha chiesto”, senza troppo soffermarsi su quelli che saranno i costi che i britannici finiranno col pagare. Costi che, naturalmente, ricadranno in parte anche sui cittadini dell’Unione europea, anche in questo caso senza che alcun leader politico stia per il momento soffermandosi su di essi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X