L’Ue vota target ambientali più ambiziosi. Le utility che possono beneficiarne

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 8 Ottobre 2020 | 12:00

Il parlamento Europeo ha votato per target più ambiziosi sul fronte ambientale. E’ stato infatti approvato l’emendamento che propone un taglio delle emissioni GHG del -60% rispetto al 1990, da ottenersi al 2030 e rispetto all’obiettivo precedente del -40% e al -55% proposto dalla Commissione Europea. Il nuovo target 2030 andrà definitivamente approvato entro la fine di quest’anno.

Il target di riduzione emissioni è il driver principale sul quale verranno poi settati i singoli piani nazionali di contenimento delle emissioni, portando inevitabilmente a obiettivi più elevati in termine di penetrazine rinnovabili e risparmio energetico.

Le utility sotto i riflettori

L’innalzamento degli obiettivi è quindi un driver positivo, fanno notare gli analisti di Equita Sim, prevalentemente per le società attive nel settore delle trinnovabili come Enel, Falck Renewables, Erg, Alerion e Iniziative Bresciane, per gli operatori di trasmissione come Terna e Snam e per gli operatori di distribuzione elettrica come Enel, A2a, Iren, Hera e Acea.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X