Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 23 Giugno 2017 | 11:53

SHANGHAI, PRIMA CONDANNA PER SPEED TRADING – Un tribunale di Shanghai ha inflitto una multa da 101 milioni di dollari a Yishidun International Trading, emettendo un’ordinanza di carcerazione, sospesa, per due suoi dirigenti, in quello che è stato la prima causa in Cina contro un’azienda di speed trading.

101 MILONI DI DOLLARI TRA MULTE E RIMBORSI – La società, che fa capo a due investitori russi, è stata multata per 44 milioni di dollari per aver manipolato il mercato dei future cinesi, e dovrà restituire altri 57 milioni di dollari di profitti, mentre a due dirigenti cinesi dell’intermediario, Go-Yan e Liang Zezhong, sono state comminate pene, sospese, pari rispettivamente a tre anni e due anni e mezzo di reclusione, oltre a multe di 1 milione e di 800 mila yuan.

PECHINO VUOLE EVITARE BIS DEL CROLLO DEL 2015 – Meno fortunato è stato un broker di una altro intermediario, China Fortune Futures, Jin Wenxian, condannato a 5 anni di reclusione e a una multa di 600 mila yuan. Il mese scorso erano già stati multati tre broker cinesi per un totale di oltre 61 milioni di dollari per aver violato le norme sul finanziamento a margine e sulle vendite allo scoperto in una serie di operazioni come contropartita di Citadel Llc durante il crollo dei mercati cinesi del 2015.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet, nuova sede nella tana del Dragone

Investimenti, occasione Cina

Asset allocation: con la Cina non si sbaglia

Pictet WM: “Coronavirus, per la ripresa è utile guardare alla Cina”

Consulenti, la Cina è tornata!

Guerra dei dazi, mossa distensiva Usa in vista dell’accordo

Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

NEWSLETTER
Iscriviti
X