Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

A
A
A
di Luca Spoldi 23 Giugno 2017 | 13:30

QUANTO COSTERA’ SALVARE BPVI E VENETO BANCA? – Quale sarà il costo finale della “soluzione quasi di sistema” alla crisi di Bpvi e Veneto Banca? Se le autorità europee avvalleranno la proposta di Intesa Sanpaolo, secondo l’economista e blogger Mario Seminerio, il costo a carico dei contribuenti italiani potrebbe lievitare dai 4,7 miliardi ipotizzati nel caso di una ricapitalizzazione precauzionale, che di fatto non è più possibile dopo che il tentativo di trovare istituti disposti a versare “volontariamente” 1,25 miliardi di euro come chiesto dalle autorità europee è fallito, a 10-12 o forse anche 15 o più miliardi.

VALUTARE OFFERTE CONCORRENTI – Così, spiega Seminerio, il costo potrebbe infine rivelarsi anche superiore agli ipotizzati 11 miliardi di oneri che sarebbero potuti ricadere sul sistema bancario privato nel caso di un bail-in. Che fare, dunque, per evitare l’ennesimo bagno di sangue per i contribuenti italiani? Ad esempio si sarebbe dovuto/si dovrebbe bandire un contest ad evidenza pubblica, suggerisce Seminerio, così da non avere di fronte solo l’offerta di Intesa Sanpaolo, evitando di dover pensare a sussidi “ad bancam” per concludere l’operazione.

TABU’ DA INFRANGERE: COINVOLGERE BOND SENIOR – Sarebbe poi importante secondo l’esperto coinvolgere anche “gli obbligazionisti senior sino a concorrenza di quanto necessario a ripristinare la funzionalità della banca”. Anche perché, conclude l’esperto, “tutto verte sugli obbligazionisti senior, in queste procedure. Non capirlo vuol dire condannarsi a ripetere la storia, e massacrare i contribuenti”. Un aspetto che evidentemente la classe politica italiana non riesce o non vuole cogliere: sapranno coglierlo le autorità europee, imponendo un aggiustamento di tiro per il via libera all’operazione?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: i bond evitano la febbre gialla. Le nuove emissioni sotto la lente

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Obbligazioni: nuove emissioni sotto il segno del green

NEWSLETTER
Iscriviti
X