Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi20 luglio 2017 | 17:17

CITIGROUP ASSUMERA’ IN EUROPA – Per colpa (o grazie, a seconda dei punti di vista) della Brexit, il gruppo Citigroup potrebbe dover assumere 150 dipendenti all’interno dell’Unione europea. Lo ha spiegato Jim Cowles, responsabile Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) del gruppo americano in un memo interno il cui contenuto è stato poi rivelato dall’agenzia Bloomberg e nel quale il manager indica Francoforte come “la nostra prima scelta come quartier generale per le nostre attività di broker-dealer Ue”.

FRANCOFORTE BENEFICIA DEI DEFLUSSI CAUSA BREXIT – Al momento nella città tedesca Citigroup impiega già 350 dipendenti. Francoforte per ora sta emergendo come vincitrice nella gara per attrarre istituzioni finanziarie in uscita da Londra a causa dell’uscita, dal marzo 2019, della Gran Bretagna dalla Ue, essendo già stata scelta da gruppi quali Standard Chartered, Nomura Holdings, Sumitomo Mitsui Financial Group e Daiwa Securities Group come sede delle attività nel vecchio continente post Brexit.

CITIGROUP GUARDA AL VECCHIO CONTINENTE – Citigroup stessa aveva in precedenza indicato Francoforte come destinazione per un massimo di 250 dipendenti attualmente al lavoro nella capitale britannica, aggiungendo di stare valutando un incremento della propria presenza anche a Dublino, Madrid, in Lussemburgo, a Parigi e ad Amsterdam, mentre non aveva più fatto menzione dell’Italia come mercato su cui investire in termini di maggiore forza lavoro, come invece lasciato filtrare ancora a inizio anno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

Brexit, doppia bordata a Johnson

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Ti può anche interessare

L’alba del Nuovo Albo

Un atto dovuto dell’autorità di vigilanza dei mercati finanziari ...

Il robo advisor sulle ali del Dragone

Si apre l’era dei robo-advisor, soprattutto in Cina. L’Italia invece procede al rilento. ...

Dazi: la guerra che ammazza Wall Street

Il presidente americano, Donald Trump, ha confermato che vedrà la controparte cinese, Xi Jinping, a ...