Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi20 luglio 2017 | 17:17

CITIGROUP ASSUMERA’ IN EUROPA – Per colpa (o grazie, a seconda dei punti di vista) della Brexit, il gruppo Citigroup potrebbe dover assumere 150 dipendenti all’interno dell’Unione europea. Lo ha spiegato Jim Cowles, responsabile Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) del gruppo americano in un memo interno il cui contenuto è stato poi rivelato dall’agenzia Bloomberg e nel quale il manager indica Francoforte come “la nostra prima scelta come quartier generale per le nostre attività di broker-dealer Ue”.

FRANCOFORTE BENEFICIA DEI DEFLUSSI CAUSA BREXIT – Al momento nella città tedesca Citigroup impiega già 350 dipendenti. Francoforte per ora sta emergendo come vincitrice nella gara per attrarre istituzioni finanziarie in uscita da Londra a causa dell’uscita, dal marzo 2019, della Gran Bretagna dalla Ue, essendo già stata scelta da gruppi quali Standard Chartered, Nomura Holdings, Sumitomo Mitsui Financial Group e Daiwa Securities Group come sede delle attività nel vecchio continente post Brexit.

CITIGROUP GUARDA AL VECCHIO CONTINENTE – Citigroup stessa aveva in precedenza indicato Francoforte come destinazione per un massimo di 250 dipendenti attualmente al lavoro nella capitale britannica, aggiungendo di stare valutando un incremento della propria presenza anche a Dublino, Madrid, in Lussemburgo, a Parigi e ad Amsterdam, mentre non aveva più fatto menzione dell’Italia come mercato su cui investire in termini di maggiore forza lavoro, come invece lasciato filtrare ancora a inizio anno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Ti può anche interessare

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Partendo dalla valorizzazione del termine "coerenza", ecco il decalogo per il manager impeccabile ...

Royal Bank of Scotland, il peggio sembra alle spalle

RBS BATTE LE ATTESE – La cura di Ross McEwan per Royal Bank of Scotland sembra iniziare a port ...

Gli investimenti sono (non solo) un gioco

Un gioco che nasce dalla collaborazione tra Consob e Università di Trento ...