Un fintech tailor made per il futuro delle banche

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 27 Febbraio 2018 | 16:06
Dal World fintech report 2018 emergono tre considerazioni

La concorrenza e le richieste dei clienti legate alla convenienza e alla personalizzazione stanno trasformando i financial services, offrendo alle fintech nuove opportunità per collaborare con le società finanziarie tradizionali.

Clienti e banche, un rapporto segnato dal fintech nel nome della personalizzazione dei servizi. Proprio la tecnologia permetterà in futuro di rendere i servizi finanziari sempre più tailor made per chi ne usufruirà. A dircelo è il World fintech report 2018 condotto da Capgemini e LinkedIn, in collaborazione con Efma. La ricerca studia il modo in cui le fintech stanno cambiando l’esperienza dei propri clienti nel comparto dei financial services attraverso una maggiore centralità degli stessi e l’uso delle nuove tecnologie, il potenziale delle relazioni simbiotiche tra le fintech e le istituzioni finanziarie tradizionali e infine il ruolo di peso svolto dalle BigTech .

Le fintech sono il motore che guida il cliente
Le fintech, grazie alle innovazioni che sviluppano con l’utilizzo delle tecnologie emergenti, stanno reinventando l’esperienza dei fruitori di servizi finanziari. La concorrenza e l’incremento delle aspettative dei clienti si stanno traducendo in un aumento della domanda di servizi più convenienti e personalizzati. Le fintech stanno utilizzando i dati dei clienti per sviluppare offerte personalizzate e per fornire servizi online veloci e disponibili 24 ore su 24 che possano essere accessibili attraverso qualsiasi dispositivo.

Tuttavia, il World fintech report 2018 afferma che i fruitori di servizi finanziari ripongono molta più fiducia nei brand delle aziende tradizionali rispetto alle fintech. Per avere successo in futuro, le aziende del settore devono continuare ad allineare i propri obiettivi con quelli dei clienti, mantenendo un alto livello di fiducia e offrendo loro processi digitali, efficienti e in ottica agile.

Opportunità di collaborazione win-win
Svincolati da sistemi obsoleti e da una cultura old-school, le fintech hanno utilizzato le nuove tecnologie per rispondere rapidamente alle esigenze dei clienti. Infatti, il World fintech report 2018 ha evidenziato che oltre il 90% delle fintech ritiene che l’agilità e l’offerta di una migliore customer experience siano elementi chiave per ottenere un vantaggio competitivo, mentre oltre il 76% afferma che la propria abilità nello sviluppare nuovi prodotti e servizi e nel migliorare quelli esistenti sia un elemento fondamentale del proprio successo. La sfida è dunque quella di ampliare e creare modelli di business che siano realizzabili dal punto di vista finanziario. Nonostante le fintech abbiano raggiunto i 110 miliardi di dollari di fatturato dal 2009, lo studio di Capgemini ha sottolineato che molto probabilmente la maggior parte di esse potrebbe non avere successo qualora non riuscisse a costruire un efficiente ecosistema di partnership.

Allo stesso modo, le istituzioni finanziarie tradizionali stanno adottando molte misure in ambito fintech per migliorare il customer service, conservando però alcuni punti di forza come il risk management, le infrastrutture, la competenza in ambito normativo, la fiducia dei clienti, l’accesso al capitale, e così via. Sia le aziende tradizionali che le fintech, infatti, possono trarre vantaggio da una relazione collaborativa e simbiotica.

«Con oltre il 75% delle fintech che considera la collaborazione con le aziende tradizionali il proprio obiettivo primario, diventa essenziale che sia le fintech che le imprese tradizionali trasformino il proprio business model, attraverso una collaborazione reciproca che consenta di incrementare l’innovazione, mantenendo al contempo la fiducia della clientela», ha dichiarato Monia Ferrari, Head of Banking di Capgemini Italia. «Senza un partner agile e collaborativo, sia le aziende tradizionali che le fintech rischiano il fallimento».

Trovare il giusto partner è essenziale per una collaborazione di successo
Il report di quest’anno ha evidenziato che la collaborazione è un elemento essenziale per far sì che sia le fintech che le imprese finanziare tradizionali raggiungano il successo nel lungo termine. Una collaborazione proficua si basa essenzialmente sul trovare il miglior partner e il miglior modello di engagement. Per sviluppare partnership solide, le aziende devono superare le barriere alla collaborazione.

Dal World fintech report 2018 emergono tre considerazioni. Primo: oltre il 70% dei dirigenti delle società del fintech afferma che la principale sfida legata alla collaborazione con le aziende finanziare tradizionali è rappresentata dalla propria mancanza di cultura agile. Secondo: le imprese tradizionali avvertono degli impatti negativi sulla fiducia dei clienti e il brand. Terzo: il cambiamento della cultura aziendale rappresenta una grossa sfida per entrambe le tipologie di società.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il FinTech ai tempi del Covid-19

ACP SGR, a tutto Fintech

Banche, il fintech ammazza i ricavi

ITForum: tra fintech, investimenti, advisory e space economy

Banca Mediolanum: il risk management diventa futuristico

Milano a tutta blockchain

CF Webinars, il Fintech al centro della puntata di luglio

A Rimini ecco i FintechAge Awards

Forbes in edicola, aspettando i FintechAge Awards

Schroders pronta per il pieno di fintech

Il futuro della banca non è in banca

10 trend per capire le banche nel 2018

La finanza digitale secondo Consob

Mifid 2 e fintech a portata di click

Nasce Italiafintech

Il private equity punta sul Fintech

Robeco lancia un fondo sul Fintech

Fintech e Mifid 2, così cambierà il settore finanziario

Sorpresa: anche i millennials preferiscono i cf in carne e ossa

ITForum Milano, Mifid 2 e Fintech al centro della scena

Arriva la Mifid 2: care reti e sgr, siete veramente pronte?

Consulenti e Fintech nell’era di Mifid 2: se ne parla alla Tol

Tra Fintech e Mifid 2: le nuove regole del gioco a ITForum Milano

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Satispay, Credimi, Moneyfarm e altre fintech finiscono in Parlamento

Il Fintech in un limbo. Ci vogliono regole

Arriva il primo Master in Digital Innovation e Fintech: ecco tutto quello che c’è da sapere

Ubs organizza una nuova challenge a tema fintech

Milano capitale europea del Fintech? Farebbe volare il marketplace lending italiano

Fintech dirompente, ma le banche non rinunciano al fattore umano

Nasce Supernovae Labs, il primo acceleratore fintech per banche e assicurazioni in Italia

La Consob mette in guardia sui rischi del fintech

I PIR senza Fintech? Ecco perché sono monchi

Ti può anche interessare

Istat: Pil in calo su base annua. Lo spread vola

Il Pil italiano fa come i gamberi e cala dello 0,1% su base annua. Non accadeva dal quarto trimestre ...

Investitori istituzionali, così investono quelli italiani ed europei

E’ stata pubblicata la 17esima edizione del Mercer European Asset Allocation Survey 2019, l’inda ...

Investimenti, il termometro obbligazionario

Vi proponiamo di seguito un commento sulle manovre di BCE e Fed e sugli effetti di queste ultime sul ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X