Banche italiane, Fitch storce il naso

A
A
A

La società di rating ha recentemente peggiorato l’outlook sulle 5 importanti realtà nostrane

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti6 settembre 2018 | 09:03

Dopo che lo scorso 31 agosto 2018 Fitch Ratings (Fitch) ha confermato il rating a lungo termine dell’Italia a “BBB”, è arrivata nella serata di ieri la notizia della variazione in negativo dell’outlook (portandoli da “stabile” a “negativo”) su cinque importanti realtà bancarie italiane: Unicredit, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Credem e Bnl.

La revisione, spiega l’agenzia di rating, segue quella analoga operata per l’Italia lo scorso 31 agosto e riflette la visione per cui “le banche subiranno probabilmente un downgrade se il giudizio sull’Italia sarà abbassato”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le incorruttibili Poste Italiane

Violazioni multiple, radiato consulente

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Ing, la filiale con il look giusto per la consulenza

Consob, parte la campagna social per Scolari alla presidenza

Fineco, il trionfo della consulenza

Intesa, doppia mossa digitale per le imprese

Stress test, tanti errori nello scoop del Sole

Ubi, forze unite per blindare il capitale

Un anno miliardario per Allianz Bank FA

Ubi Banca cavalca la rivoluzione mobile

Stretta di mano tra fisco e Mediolanum

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

Con Consob per parlare di banca e finanza

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Ti può anche interessare

CF Webinars, il Fintech al centro della puntata di luglio

L’appuntamento è per lunedì 16, dalle 15 alle 16.  ...

Ambrosetti Am Sim, accordo con Optima Sim

Lo scopo è quello di arricchire l’offerta del gruppo Bper mediante tre linee di gestione patrimo ...

Scene da una Brexit

Ecco cosa sta accaddendo ...